uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

MARIJUANA, prelievi ematici dopo incidente stradale

Domanda
Corpo del messaggio:
Buongiorno, scusate il disturbo.
Nel mese di luglio in seguito ad un incidente stradale sono stato portato in PS dove mi hanno fatto prelievi ematici tossicologici richiesti facendomi firmare il consenso.
Il problema è che, benché non sia un fumatore di marjuana abituale (anche perchè sono orami “cresciuto… di età e la mia vita non mi consente tali “divagazioni”), alle ore 12,00 avevo fumato uno spinello molto leggero di marjuana.

Il prelievo mi è stato fatto alle 21,00.

Ho dato uno sguardo nello sconfinato e confuso mondo di internet su finestre di rilevabilità di THC e suoi metaboliti nel sangue e mi sembra di aver visto che il THC e i suoi metaboliti attivi “dovrebbero con molta probabilità” non essere più rilevabili dopo 8 ore a differenza del metabolita inattivo.
Vi chiedo:
– Secondo voi la finestra di rilevabilità di 8
ore potrebbe essere vera?
– Se trovassero solo metaboliti inattivi secondo
me non potrebbero imputarmi per l’art. 187 ma
forse potrebbero segnalarmi al prefetto e alla
motorizzazione e potrei aver problemi con i
rinnovi, giusto?   Grazie

Risposta

Il metabolita attivo scompare da sangue entro 80-90 minuti.
I metaboliti inattivi permangono molto a lungo.
Se lei si è sottoposto all’esame 8-9 ore dall’uso di cannabis, l’esame potrà rilevare solo i metaboliti inattivi.

Non credo che potranno imputarle l’art. 187 perchè i metaboliti inattivi potrebbero essere molto precedenti al momento dell’incidente.

montefrancesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA