uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

La dipendenza è una malattia del libero arbitrio

Quando avevo cinque o sei anni, mio nonno – il padre di mia madre – morì di quello che mi è stato sempre detto, di complicazioni di una qualche malattia cardiaca.
Solo molto più tardi, dopo che avevo completato la mia formazione medica in psichiatria e aveva già lavorato per un lungo periodo di tempo con le neuroimaging per studiare il cervello “dipendente”, che ho scoperto la vera ragione della sua morte. Mia madre mi ha chiamato un giorno, verso la fine della sua vita e mi ha detto, “Nora, ho bisogno di dirti una cosa di cui non ti ho mai parlato” Allora lei mi rivelò che mio nonno era stato un alcolista e che si era ucciso nell’angoscia di non essere in grado di controllare i suoi forti impulsi a bere.

Questo fu uno shock. Mia madre aveva mantenuto la vera ragione della morte di mio nonno come un segreto, anche se sapeva che tutta la mia vita professionale era stata dedicata a cercare di capire cosa fanno le droghe al cervello. Aveva udito da me che la dipendenza era una malattia del cervello.

Così mi sono detta che in realtà io non ero riuscita a ben comunicare; io non avevo fatto in modo che lei potesse parlare liberamente della dipendenza e che non dovrebbe esserci nessuna vergogna in questa malattia. Ci ho pensato molte volte e mi rendo conto però che descrive la dipendenza come una “malattia cronica del cervello” è un concetto molto teorico e astratto.
Ad es., se tu fossi un genitore con un bambino molto malato ed andassi in ospedale e il medico ti dicesse, “Il tuo bambino è in coma perché ha il diabete”, e il medico continuasse a spiegare che il diabete è una malattia cronica del pancreas, potrebbe questo aiutarti a capire il motivo per cui il bambino è stato così gravemente malato?
No, non potrebbe.

Per spiegare serve una ulteriore spiegazione ossia che le cellule del pancreas non solo non possono più produrre insulina ma che l’insulina è fondamentale per utilizzare il glucosio come fonte di energia, tale che senza di essa le cellule del nostro corpo sono prive di energia. Questo spiega perché il bambino è così malato.

Per spiegare i cambiamenti devastanti nel comportamento di una persona che è dipendente, che anche la minaccia di una grave punizione non è sufficiente a impedire di assumere droghe e nel caso è disposta a rinunciare a tutto ciò che tiene pur di farne uso, non è sufficiente dire che la dipendenza è una malattia cronica del cervello.
In realtà la dipendenza è qualcosa di molto specifico e profondo: in sostanza accade che a causa del consumo di droghe, il cervello di una persona non è più in grado di esercitare qualcosa di necessario, di indispensabile per il suo funzionamento e che le persone sane danno per scontato, il libero arbitrio.
Tutte le sostanze d’abuso, sia legali o illegali, causano la liberazione di grandi quantità di dopamina in aree cerebrali fondamentali per motivare il nostro comportamento –  regioni “premianti” (come il nucleo accumbens) sia regioni come quelle prefrontali che controllano le nostre funzioni superiori come il giudizio, il processo decisionale e l’auto-controllo sulle nostre azioni.
Questi circuiti cerebrali si adattano a questi picchi di liberazione di dopamina e diventano nel tempo molto meno sensibili alla dopamina; questo processo è chiamato tolleranza.
Il risultato è che cose ordinarie e sane della nostra vita- ad es., tutti i comportamenti sociali e fisici piacevoli e necessari per la nostra sopravvivenza (che a loro volta sono ricompensati da piccole esplosioni di dopamina nel corso della giornata) – non sono più sufficienti a motivare una persona. La persona dipendente ha bisogno di una grande ondata di dopamina che gli procura la droga solo per sentirsi temporaneamente a posto….e deve continuamente ripetere questo, in un circolo vizioso senza fine.

Torno molto spesso e ripenso a quella conversazione con mia madre. Mi rendo conto che la sua vergogna non era solo perché suo padre era stato un alcolizzato, ma perché si era suicidato per disperazione e impotenza nella sua incapacità di controllare i forti impulsi fa bere.
Avrebbe cercato di smettere, ma poi sarebbe ricaduto, e questo ciclo si sarebbe ripetuto ancora e ancora e ancora…fino a quando ci fu un ultimo momento in cui lui ha odiato sé stesso.

Noi possiamo fare molto per ridurre la vergogna e lo stigma della tossicodipendenza, una volta che i professionisti medici e no tutti, come società, comprendiamo che la dipendenza non è solo “una malattia del cervello”, ma una malattia in cui i circuiti che ci permettono di esercitare il libero arbitrio non funzionano più come dovrebbero.

Le droghe interrompono questi circuiti. La persona che è dipendente non sceglie di essere dipendente; non è più una scelta prendere le droghe. Le persone dipendenti nel mio laboratorio dicono spesso che non è nemmeno piacevole. “Non riesco a controllarmi.” O dicono, “Devo assumere la droga, perché il disagio di non farlo è troppo difficile da sopportare.”
Se noi abbracciamo il concetto di dipendenza come una malattia cronica in cui le droghe hanno interrotto i più fondamentali circuiti cerebrali che ci permettono di fare qualcosa che diamo per scontato – prendere una decisione e seguirla fino a compimento attraverso – allora saremo in grado di diminuire lo stigma, non solo nelle famiglie e nei luoghi di lavoro, ma anche nel sistema sanitario, tra gli operatori e gli assicuratori.
Una volta che la gente comprende la patologia di base della dipendenza, le persone con la malattia non dovranno passare attraverso ostacoli per ottenere trattamenti di base come la buprenorfina o il metadone per la dipendenza da oppiacei, ma riceveranno semplicemente, senza giudizio, l’aiuto di cui hanno bisogno come un bambino con il diabete o una persona con una malattia cardiaca o un tumore.
Essi non dovranno sentire che la vergogna, o sentirsi inferiori, perché la gente capisce che sono affetti da una malattia che deve essere trattata come una qualsiasi altra.

da Nida: National Institute on Drug Abuse

Nora Volkow

per la cura dell’articolo, dott. giuseppe montefrancesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA