uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Due tipi

Due tipi di pazienti

Nella mia esperienza clinica ho visto e vedo molti ragazzi con problemi di droghe.
Mi giungono o più spesso mi vengono portati dai genitori o da altri, quando oramai pare il loro consumo sia composto, organizzato che abbia ha preso un’abitudine, un indirizzo, una strada.
Allora è sempre molto difficile e tutto il problema diventa come non farli morire o come accompagnarli ad una “impossibile” disintossicazione o rinascita.
Recuperarli…un’impresa titanica dove poi l’operatore (almeno io) si vive con un senso di impotenza straordinario.
La malattia va da sé, secondo i suoi voleri, e si può incidere molto poco.
In assoluto è il paziente che ha veramente in mano le redini della sua stessa malattia. Indurlo, forzarne le decisionalità sembra vano. Non riesce.
E d’altro canto è “giusto” così. E non altrimenti perché altrimenti l’uomo avrebbe da tempo assoggettato le volontà in modo completo.
Quindi, al meglio ed è tanto, bisogna saper cogliere ed accompagnare un processo decisionale di cambiamento se questo c’è e quando c’è.
E bisogna essere bravi e volenterosi.

Ma i pazienti, prima, molto tempo prima erano normali, poi si sono avvicinati per varie ragioni alle sostanze.
Allora mi permetto dire che secondo me, pur nella vasto ambito delle differenze e specificità che si possono fare, vi sono due tipi di consumatori.
Uno, io lo definisco, attivo; l’altro passivo.
Il primo è colui il quale cerca, attivamente la sostanza e la cerca, si avvicina ad essa per gli infiniti motivi che stanno dietro alla sua persona, agli effetti immaginati delle sostanze e alle circostanze.
Costui non ricerca le sostanze specificatamente e solamente. Vuole in qualche modo curarsi.
Questo non vuol dire che costui ha certe vulnerabilità di base e delle quali ci si accorge anche al momento della chiara manifestazione della malattia. Più spesso può essere che sia temporaneamente, come in un momento difficile della sua vita, fragile, potremmo dire che presenta la malattia della debolezza. Ha problemi e per questo si è avvicinato alle sostanze

Il secondo non ha alcuna precondizione ma viene trascinato dalla vita, dalle tendenze, perché non sa dove mettersi . E non è roba da poca non sapere dove stare perché non si sa chi si è o se apparteniamo a qualche categoria ci consente la riconoscibilità.
Così, semplicemente non ha la possibilità di reagire ancora alla confusione della vita. Cerca il suo spazio, il suo corpo, dove mettere queste cazzo di emozioni, doveri e soprattutto come non stare ai margini della vita.
Entrambi alla fine appaino indistinguibile e giungono allo stesso risultato clinico, diventano patologicamente dipendenti.
Entrambi sono stati ingannati illusoriamente.
In verità tutti siamo ingannati e dovremmo volgere sforzi e volontà a capire profondamente noi stessi e le nostre scelte.
Ma nessuno ci insegna ad essere consapevole.
Ci mettono paura, ci incutono il terrore dello smarrimento.
Allora, alla fine tutti in qualche modo ci “facciamo”.
Per vivere e sopravvivere

montefrancesco

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA