uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Sesso, cocaina e donne che arrivano prima !

Le droghe, seppure non tutte, hanno tra i loro a�?doveria�? quello di ottimizzare le prestazioni sessuali anzi posso dire con certezza che qualcuna, come la cocaina, viene spesso utilizzata solo a questo fine. Ea�� noto, al pari, che la marijuana puA? rendere piacevole il trasporto amoroso, che a giuste dosi la��alcol facilita la disinibizione e la��abbandono sessuale e che le sigarette si fumano volentieri dopo aver fatto la��amore; come gli attori.
Le numerosissime altre sostanze che mischiano effetti allucinogeni con quelli amfetaminici, o che hanno esclusivi effetti stimolanti, contribuiscono fortemente ad attivare le genitalitA� dei maschi e delle femmine.
La��eroina non ha il sesso nei suoi obiettivi principali.
Allora, in settimana mi sono imbattuto in questo argomento e ho scritto la��editoriale, che puA? apparire scherzoso, ed in parte lo A?, ma A? tema che ha sempre preoccupato il genere umano, direi soprattutto i maschi.
Quando si parla di sesso i maschi a�?penetranoa�? con una certa difficoltA� la��argomento.
Quindi vi presento la��editorialea��. a�?Sesso, cocaina e donne che arrivano primaa�?.

——————————–
Donne che amano troppo, donne sempre occupate, donne che cucinano a sfare, altre che spazzano a terra senza pensare. Donne con le gonne, donne con le palle, donne in carriera o donne sdoganate, donne che ce la��hanno solo loro, donne sempre intelligenti.
Insomma tante donne con le singolaritA� di ognuna e le difficoltA� di molte.
Una mai simile ad una��altra.

Il mistero si infittisce quando si parla di sesso.
Non si sa dove le donne abbiano appreso la��arte di amare sopra le lenzuola o sotto il divano, sta di fatto che in questo campo puA? magnificarsi diversitA� e potenza.

Al contrario, io e i miei consimili abbiamo sempre avvertito il peso di questa funzione, molto spesso un lavoro di specie.
Loro, le donne, quando ti vogliono ti prendono e tu ti fai prendere secondo una giochino che sta nelle ragioni del desiderio. Una volta catturato perA? devi portare a compimento questo incarico sessuale perchA� pare, secondo natura, che a te spetti la��onere della produzione; sA� proprio come saper guidare o avere resistenza nel tagliare la legna o sostituire una ruota quando necessita.
A volte vengono addirittura richieste le contropalle perchA� la fatica puA? essere improba, per pochi. Insomma noi maschi, ad un certo punto della��amoroso corteggio, dobbiamo saper ondulare il nostro corpo per un certo lasso di tempo, con stravaganti posizionamenti, con giusta muscolaritA� ovvero con dolce durezza.

Ora devo esporvi di una diversitA� femminile, sempre in tema di sesso, che mi A? giunta inattesa e di bella sorpresa. Ci sono a�?arrivatoa�? come accade nel web, notizia dopo notizia, in un rimbalzo incontrollabile che non sai neanche da dove sei partito.

Questa stravaganza A? discussa con rigore nella rivista Sexologies e il titolo senza altri equivoci dA� posto ad un fenomeno inusuale:
Female premature orgasm: Does this exist?
Incredibile; una sorta di eiaculatio precox al femminile.
Porre interrogativo alla sua reale esistenza era doveroso perchA� gli scienziati devono risolvere argomenti scabrosi e di pubblica utilitA�.
Quindi esiste davvero ? Chi la��ha visto, chi ne ha annusato il carattere, chi ne ha goduto appieno ?
Se il dubbio A? legittimo, la possibilitA� fa comunque a�?venirea�? una sorta di stordimento !
Intanto in questo ambito il verbo di moto, arrivare, apre ad allusioni logiche e a fantastici mezzi di trasporto.
Arrivare dove e da dove.
PerchA� arrivare o giungere o venire dA� idea che qualcuno abbia iniziato un viaggio da terre lontane, che ne abbia sopportato le difficoltA� e i dirupi, le buche e gli scossoni e alla fine di tanta fatica ne abbia trovato un certo piacevole giovamento.

In veritA� questo epilogo non avviene sempre ma ci auguriamo che questo scoppio orgasmico sia giusto coronamento dello sforzo di entrambi. Il viaggio A? molto appassionante se si fa in due, se riesce bene e in tempi ragionevoli, altrimenti A? piA? agevole affrontare la��avventura da soli.
Questo, ad esempio, accade quando siamo costretti a lungaggini procedurali che solo una vigoria giovanile sostiene seppure non esente da effetti collaterali dannosi alla salute.
Intorbidimento della vista, mal di schiena, alterazione del sensorio e, in casi gravi, ricovero ospedaliero.
Soprattutto A? il desiderio che ne sente gli effetti peggiori; nella prolissitA� dello sforzo fisico scema quella atmosfera di assenza indispensabile a mantenere la voglia. Non di rado molti abbandonano il campo e pensano di farla finita. Altri si risolvono per un insano atteggiamento autarchico.
Ora li chiamano sovranisti.

Vero A? che ca��A? un tempo per ogni cosa.
E infatti, che vuol dire prima, contrario di dopo.
CioA? quanto prima, quanto in anticipo rispetto al a�?normalea�?.
Faccio un esempio: per andare da Siena a Lecce ci vogliono circa 10 ore con il treno. Per un uovo alla coque 3 minuti. Arrivo prima a Lecce se impiego 7 ore e piglio tante multe; la��uovo non A? alla coque ma una cosa squacquera se lo tolgo dal bollore ai minuti 2.
Quindi il tempo A? fondamentale. Grazie a Dio anche su questo annoso argomento temporale arriva in soccorso la scienza.
Il tempo di un rapporto sessuale, secondo gli studi, A? il seguente:
troppo breveA�A� 1- 2 minuti;
adeguatoA� A� A� A� A� A�3 a�� 7 minuti;
auspicabileA� A� A� 7- 13 minuti;
troppo lungoA� 10-30 minuti.
a�?Satisfactory sexual intercourse for couples lasts from 3 to 13 minutes, contrary to popular fantasy about the need for hours of sexual activity, according to a survey of U.S. and Canadian sex therapists.a�?

Quindi la fantasia popolare che ci ha costretto a misurare la lunghezza del pene con tutti gli strumenti possibili purchA� fosse quanto bastava e non bastava mai e che ci imponeva prestazioni superbe per sentirci normali, aveva sbagliato.
Pensate addirittura parlano di un tempo troppo lungo !!!
PerchA� non ce lo hanno comunicato prima?!.

Eravamo adolescenti che giA� iniziavano i problemi.
Da giovanetti non ci salvava quel costante stato erettivo; non ci dava certezza niente perchA� non avevamo idea della normalitA�.
Le donne da��altra parte, misteriosissime, non sapevano che dire e anche loro sembravano senza idee su quel poco che avveniva tra noi.
Quindi A? prevalso tragicamente il detto latino a�?melius abundare quam deficerea�? che ci ha buttato nella confusione e nella��eccessivitA�.
Centimetri a sfare e sesso a non finire, per notti intere.
James Brown in a�?Sex machinea�? ci ha fatto muovere e disperare come dei dannati. Lui sembrava un animale in calore, tutto sudato, con il petto infuori e mosse da tarantolato.
Noi dovevamo apprendere anche da lui come farlo, come delle macchine, senza sosta, una via la��altra.
Un vero disastro ! Quei pochi che avevano la fortuna di un qualche rapporto amoroso entro breve tempo mostravano i devastanti effetti di tale sotto cultura. Camminavano chini e avevano grandi occhiaie. Si impegnavano poco a scuola e i genitori si chiedevano perchA�.
La veritA� A? che la confusione regnava sovrana e ognuno se la portava con sA�. Irrisolta.

Ora ci dicono che vi sono donne che arrivano prima.
Che splendore !

g. montefrancesco

Fonte
Eric Corty and Jenay Guardiani – Good sexual intercourse lasts minutes, not hours, therapists say
March 31, 2008, – Penn State News-

– S. Carvalho (MD), A. Moreira (MD), M. Rosado (MD), D. Correia (MD), D. Maia (MD), P. Pimentel (MSc), Female premature orgasm: Does this exist? Sexologies (2011) 20, 215a��220

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA