uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

a�?What is the addiction ?a�?

a��.Quindi, non A? cosA� semplice definireA� in modo categorico la nozione di avere o non avere un disturbo classificabile comeA�tossicodipendenza; il cervello A? piA? complicato.

In generale, vi A? una predisposizione ad avvertire A�in modo esagerato gli effetti di una sostanza (ad esempio, maggiore euforia in risposta ad una assunzione mediaA� di alcol).CiA? avviene lungoA� nei percorsi cerebrali che regolano la risposta emotiva ed il piacere, portando ad un uso impulsivo e compulsivo delle droghe che si traduce, alla fine, in una emozionalitA� negativa (in un rinforzo negativo) e in un tentativo sempre crescente di evitare o impedire la disforia attraverso un maggiore e ripetuta ingestione della sostanza stessa.

La dipendenza non A? quindi una singola entitA� e non puA? essere incapsulata in una singola categoria diagnostica. Si compone di molti differenti elementi A�biologici che interagiscono in un continuum con i molteplici cambiamenti del cervello ed implica multipli livelli di complessitA�.

Il cervello di individuiA�suscettibiliA�di dipendenza sono differenti; A�i cervelli di coloro che sono giA� dipendenti sono differenti. I concetti di rinforzo positivo (piacere) e negativo (sintomi astinenziali) sono di grande importanza per capire come la malattia possa evolvere.

Ma non vi A? alcun chiaro inizio o fine.

Una volta che un paziente inizia il trattamento, molti processi, a livello genetico e neurochimico,A� sono giA� avvenuti.

La comprensione dei processi biologici che pare predispongano alla dipendenza A? importante quanto la comprensione dei processi in atto (di che cosa accade) nel tossicodipendente quando A? veramente tale. Una migliore comprensione dei fattori socioculturali, dei fattori di sviluppo e degli elementi che dinamicamente influenzano la predisposizione biologica alla dipendenza offre una opportunitA� per affrontare il problema da diverse prospettive.

Questo A? esattamente il motivo per cui un approccio terapeutico multidisciplinare A? necessario considerando cheA�il farmaco (o la droga) non A? che un parametro della intera storia patologica eA�forse il meno importante.

Il rapido e tempestivo riconoscimento di fattori predisponenti in individui a rischio A? forse il modo migliore per evitare la via del non ritorno nella dipendenza.

Fonte

Quanto riportato A? stato tradotto da:

a�?What is the addiction ?a�? Medscape a�� D. E. Vergne

Neuropsychopharmacology- 2014;39:254-262.

 

tags: #dipendenza #tossicodipendenza

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA