News

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco
[ VAI a tutte le NEWS ]

Buprenorfina e naloxone sotto una nuova veste: il BUNAVAIL

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato un nuovo farmaco per la terapia sostitutiva di mantenimento nella dipendenza da oppiacei:
il BUNAVAIL, composto da buprenorfina e naloxone nella inedita formulazione di pellicola per la guancia.
Ad annunciarlo è la BioDelivery Sciences International Inc, azienda farmaceutica produttrice del farmaco; la stessa azienda prevede la’ immissione in commercio del Bunavail entro l’ultimo trimestre del 2014. Stando a quanto riportano i produttori, il farmaco sarà composto da una singola pellicola adesiva da porre all’interno della guanciaa, sistema questo che consentirà un migliore assorbimento e quindi un miglioramento delle concentrazioni plasmatiche di buprenorfina e che pertanto ne consentirà la prescrizione ad un dosaggio inferiore. Tutto ciò potrebbe dare una significativa riduzione degli abusi di questo farmaco e, a rigor di logica, una riduzione degli effetti collaterali. Inoltre, sottolinea la stessa BioDelivery, il Bunavail permetterà al paziente di parlare, deglutire e svolgere le proprie attività quotidiane continuando ad essere regolarmente assorbito; questa una differenza è molto significativa rispetto alle altre formulazioni di Buprenorfina che invece sono ad assorbimento sublinguale e che quindi costringono il paziente a tenere la lingua schiacciata sul pavimento della bocca fino al loro completo assorbimento.

Il Bunavail quindi fa ben sperare e secondo il dottor Gregory Sullivan, specialista della medicina della dipendenza a capo delle ricerche sulla sicurezza del farmaco e direttore del Parkway Medical Center di Birmingham in Alabama, il farmaco è un nuovo approccio al trattamento di più di 2 milioni di persone che ad oggi soffrono di dipendenza da oppiacei negli USA.
Egli spiega come la svolta sia rappresentata dall’utilizzo di una tecnologia di rilascio estremamente avanzata che ne migliorerà l’assorbimento. Da non sottovalutare è poi la comodità che il paziente troverà in questa formulazione (rispetto alle formulazioni sublinguali) perchè è questo che potrà migliorarne significativamente l’adesione al trattamento.

Può quindi essere interessante chiarire, in sintesi, le indicazioni al dosaggio e alla somministrazione del Bunavail approvate dal FDA:
una singola pellicola di Bunavail va applicata una volta al giorno sulla mucosa della guancia e può essere utilizzata anche in pazienti precedentemente trattati con compresse sublinguali di buprenorfina. La differenza nella biodisponibilitAà del BUNAVAIL rispetto al SUBOXONE (buprenorfina e naloxone in forma di compresse sublinguali) è molto ampia dal momento che bastano 4.2/0.7 mg (il primo valore A? riferito alla buprenorfina, il secondo al naloxone) di Bunavail per ottenere gli stessi livelli plasmatici che si hanno con 8/2 mg di Suboxone. Per questo il Bunavail è indicato nella terapia di mantenimento alla dose quotidiana di 8.4/1.4 mg: si potrà successivamente modificare progressivamente il dosaggio a dosi di 2.1/0.3 mg fino a raggiungere la dose minima che consenta il mantenimento del paziente nel trattamento e prevenga le crisi di astinenza.
L’intervallo di dosi entro cui si deve rimanere è compreso tra 2.1/0.3 mg e 12.6/2.1 mg: oltre questi dosaggi non è dimostrata efficacia clinica.

L’applicazione è piuttosto semplice e può essere effettuata dal paziente bagnandosi la guancia con saliva o acqua immediatamente prima di porvi la pellicola. Fatto ciò basterà comprimere la pellicola sulla guancia per 5 secondi e questo ne consentirà l’adesione per tutta la giornata. Se dovesse essere necessaria l’ applicazione di 2 o più pellicole, l’indicazione è quella di porre alternativamente le pellicole prima su una guancia e poi sull’altra senza mai superare le due pellicole per guancia. Si consiglia infine di non masticare la pellicola, di non manipolarla con la lingua e, se possibile, di evitare cibo e bevande durante il suo discioglimento perchè tutto ciò potrebbe alterarne l’assorbimento e la biodisponibilità.

Mattia Bozzelli, studente di medicina. Fonti: FDA Approves Bunavail for Opioid Addiction. Medscape. Jun 10, 2014. Full Prescribing Information of Bunavail. FDA.