uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Anche se il cellulare A? spento il cervello ragiona meno

Un nuovo studio prodotto dalla School of Business di McCombs – UniversitA� del Texas, Austin- dimostra che la semplice presenza dello smartphone riduce la potenza del cervello.
In sostanza, la capacitA� cognitiva A? significativamente ridotta quando lo smartphone A? a portata di mano – anche se spento.

Gli Autori hanno condotto la��osservazione su circa 800 utenti possessori di smartphone e, per la prima volta, hanno misurato quanto le persone possono completare al meglio le attivitA� quando hanno i loro smartphone vicini e anche quando non li stanno usando.
Nell’esperimento, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di sedersi al computer e di rispondere ad una serie di test che richiedevano una piena concentrazione; I test erano stati studiati per misurare la capacitA� cognitiva disponibile dei partecipanti – cioA? la capacitA� del cervello di tenere e trattare i dati in un certo momento.
Prima di iniziare, ad alcuni partecipanti A? stato detto (a random) di a�?tenere giratoa�? il cellulare (con la parte frontale rivolta in basso) o in tasca o di tenerlo nella borsa personale o anche in un’altra stanza.
A tutti invece A? stato chiesto di tenere in silenzio i loro telefoni.
I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che avevano i loro telefonini in un’altra stanza superavano notevolmente quelli con i cellulari vicini e superavano anche, se pure leggermente, i partecipanti che avevano tenuto i loro telefoni in una tasca o in borsa.

I risultati suggeriscono che la semplice presenza di uno smartphone riduce la capacitA� cognitiva disponibile e pregiudica il funzionamento cognitivo, anche se la gente pensa di porre piena attenzione e di concentrarsi sul compito da fare.
“Abbiamo osservato una correlazione lineare che suggerisce che quanto piA? lo smartphone A? evidente (presente, visibile), la capacitA� cognitiva disponibile dei partecipanti diminuisce”, ha detto Ward. “Se anche la parte cosciente pare non stia pensando allo smartphone, comunqueA�la capacitA� cognitiva disponibile dei partecipanti diminuisce perchA? richiedere di non pensare A�utilizza risorse cognitive“, ha detto Ward. A? una fuga di cervelli

Non importava se lo smartphone A�fosse acceso o spento o posto a faccia in su o rivolto verso il basso. Avere uno smartphone in vista o facilmente raggiungibile riduce la capacitA� di concentrarsi e di svolgere attivitA� perchA� una parte del cervello lavora attivamente per non prendere o utilizzare il telefono.
“La semplice presenza del loro smartphone A? sufficiente a ridurre la loro capacitA� cognitiva”.

montefrancesco
Fonte
Adrian F. Ward, Kristen Duke, Ayelet Gneezy, Maarten W. Bos. Brain Drain: The Mere Presence of Onea��s Own Smartphone Reduces Available Cognitive Capacity. Journal of the Association for Consumer Research, 2017; 2 (2): 140 DOI: 10.1086/691462

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA