uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Cocaina

La dipendenza da cocaina A? un disturbo neurologico debilitante che colpisce piA? di 700.000 persone nei soli Stati Uniti, secondo l’abuso di sostanze e Mental Health Services Administration.
Con l’uso ripetuto, la tolleranza si puA? sviluppare e questo significa piA? cocaina necessaria per ottenere gli effetti ricercati.
La dipendenza da cocaina A? inoltre caratterizzata, come tutte le altre droghe, da ripetuti tentativi di astinenza che spesso finiscono in nuove ricadute.

“Gli scienziati sanno da anni che la cocaina colpisce il sistema della dopamina, soprattutto il suo trasportatore (blocca il re-uptake di questo neurotrasmettitore che rimane cosA� disponibile a lungo nello spazio sinaptico ndr), cosA� abbiamo progettato il nostro studio per capire meglio come la tolleranza alla cocaina si sviluppi attraverso la��azione sui trasportatori della dopamina”, ha detto Sara R. Jones, Ph.D., professore di fisiologia e farmacologia presso il Wake Forest Baptist Medical Center e autore principale dello studio.
“Attualmente non esiste alcun trattamento disponibile ed efficace per la dipendenza da cocaina per cui comprendere il meccanismo di base A? essenziale per individuare potenziali nuovi trattamenti”.
Utilizzando un modello animale, il team di ricerca ha replicato la dipendenza da cocaina, consentendo a ratti di auto-somministrarsi quanto cocaina volevano (fino a 40 dosi) per il tempo di sei ore al giorno, tempo sufficiente a produrre i tipici comportamenti da dipendenza.
Dopo l’esperimento durato cinque giorni, agli animali non A? stato piA? permesso di assumere cocaina sino a 60 giorni. Dopo tale periodo di astinenza, i ricercatori hanno esaminato i trasportatori della dopamina che apparivano normali, proprio come quelli negli animali di controllo che avevano ricevuto solo soluzioni saline.
Tuttavia, anche dopo 60 giorni di astinenza, A? bastata una singola infusione di cocaina auto-somministrata, che si riformava completamente il processo di tolleranza agli effetti della droga. Negli animali di controllo che non avevano mai ricevuto cocaina, una singola dose non ha prodotto al contrario lo stesso effetto.

Questi dati dimostrano che la cocaina lascia un’impronta duratura sul sistema della dopamina che viene attivata da una ri-esposizione alla cocaina stessa. Questo ‘effetto priming’, che puA? essere permanente, puA? contribuire alla gravitA� degli episodi di ricaduta nei cocainomani.
“Anche dopo 60 giorni di astinenza, che A? piA? o meno equivalente a quattro anni negli esseri umani, ci A? voluta solo una singola dose di cocaina per mettere di nuovo i topi al punto di partenza per quanto riguarda il sistema della dopamina e lo sviluppo di tolleranza “, ha detto Sara R. Jones. “Ea�� questo il terribile ciclo della dipendenza.”

Jones ha aggiunto che attualmente studi preclinici che stanno testando diversi farmaci amfetaminici nel trattamento della dipendenza da cocaina.

montefrancesco

fonte
1. C. A. Siciliano, S. C. Fordahl, S. R. Jones. Cocaine Self-Administration Produces Long-Lasting Alterations in Dopamine Transporter Responses to Cocaine. Journal of Neuroscience, 2016; 36 (30): 7807 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.4652-15.2016

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA