uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Diagnostica della��epatite da virus C

Capita di frequente che soggetti che risultino “anti Hcv positivi” pongano al medico specialistaA� la domanda se debbano considerarsi affetti da epatite ed assieme contagiosi. Data la rilevanza dell’argomento e la frequenza di questo riscontro appare opportuno fare delle precisazioni in proposito.
Il test cosiddetto “anti Hcv” si basa sulla possibilitA� di mettere in evidenza gli anticorpi sviluppatisi in risposta alla presenza del virus nel sangue del soggetto esaminato. Questi anticorpi perA?, che compaiono solitamente circa due mesi dopo l’avvenuta infezione, possono persistere a lungo, anche degli anni, anche dopo l’avvenuta guarigione. Pertanto un “test anti Hcv” negativo, a meno che non si tratti di un’infezione del tutto recente, prima che si siano potuti formare gli anticorpi, esclude che il soggetto sia venuto in contatto con il virus dell’epatite. Ben diverso A? il discorso in presenza di un test positivo. Proprio per il fatto che gli anticorpi possono persistere a lungo, la positivitA� non consente di discernere tra una infezione in atto o una infezione avvenuta in precedenza, in un tempo piA? o meno lontano, e magari giA� guarita. L’ “anti Hcv positivo” dice solo che il soggetto ha avuto un contatto con il virus.
Per valutare la situazione attuale A? pertanto necessario ricorrere ad un altro accertamento: la cosiddetta Pcr dell’Hcv. La Pcr si basa sulla possibilitA� di mettere direttamente in evidenza la presenza del virus nel sangue circolante. La Pcr viene eseguita con due diverse modalitA�: la Pcr quantitativa che misura la quantitA� di virus presente nel sangue e la Pcr qualitativa che indica se il virus A? presente o no nel sangue. Una Pcr negativa esclude, con buona attendibilitA�, che in quel momento ci sia presenza di virus nel sangue; al contrario una Pcr positiva documenta le presenza del virus nel sangue e la Pcr quantitativa consente anche di quantificarne l’entitA�.
Mentre la persistente positivitA� della Pcr consente di porre la diagnosi di infezione, la diagnosi di malattia si basa sul riscontro di una persistente, anche se talvolta modesta, alterazione del valore delle transaminasi. Il virus dell’epatite si moltiplica all’interno della cellula epatica determinandone un danno anatomico e funzionale, e quindi la malattia epatica, e questo danno A? appunto evidenziato dall’aumento delle transaminasi.
La diagnosi di malattia si basa, quindi,A�oltre che sul quadro clinico, sulla presenza di alterazioni persistenti delle transaminasi e della persistente positivitA� della Pcr.
In merito alla possibile contagiositA� A? evidente che il soggetto, nel quale la presenza del virus nel sangue circolante non A? determinabile, non dovrebbe risultare contagiante, non esistendo per il virus dell’epatite C altri “siti” di riserva al di fuori del fegato e dei linfonodi. Il soggetto invece con Pcr positiva presenta il virus nel sangue circolante e pertanto puA? risultare contagiante attraverso tutte quelle manovre, anche apparentemente di scarso significato, che determinano uno scambio di sangue, anche se in maniera inapparente.

1) Hcv negativo =A�a) Infezione recentissima
b) Non contatto con il virus

2) Hcv positivoA� = a) Infezione in atto
b) Infezione pregressa

3) Hcv positivo + Pcr positivaA� = A� a) ContagiositA�
Hcv positivo + Pcr negativa = A� b) Non contagiositA�

Prof. Luigi Pippi, infettivologo

 

tags: #Hcv negativo #hcv positivo

I commenti sono chiusi.

 

European Drug Report 2018: Trends and Developments.

High availability of drugs across all types. Over 1 million seizures in Europe in 2016. Over 92 million adults in the EU have tried an illicit drug in their lifetime. 1.3 million people received treatment for illicit drugs. Cocaine purity at street level reached its highest level in a decade. Increase in number of cocaine seizures. Increase in cocaine residues in wastewater in 26 of 31 cities between 2015 and 2017. Rise in number of first-time admissions to specialised treatment for problems related to cocaine. Europe is an important market for drugs trafficked in from other regions. But there are worrying signs of increased drug production inside Europe. Cannabis availability and use remain high. Cannabis is involved in 77 % of drug law offences. Rapid emergence of a commercial cannabis market in parts of the Americas. Fewer new psychoactive substances reported for the first time. But there is more evidence of harm. Health harms linked to highly potent new synthetic cannabinoids and synthetic opioids prompted nine risk assessments. Synthetic cannabinoids are the most frequently seized NPS in Europe. Synthetic opioids and particularly fentanyl derivatives are increasingly detected. Fentanyl derivatives — key players in the US opioid crisis — call for concern & vigilance. NPS use and related harms are a new challenge for prison system. Prisons are a critical setting for addressing the healthcare needs of drug users. Online markets appear to be of growing importance. A recent EMCDDA–Europol study identified more than 100 darknet markets. Concerns over unlicensed benzodiazepines sold on the street and online. Increasing number of overdose deaths raises concerns. Renewed focus on the role of take-home naloxone in overdose response strategies. Read more in the European Drug Report 2018: emcdda.europa.eu/edr2018

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA