Ibogaina

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Ibogaina

L’ibogaina (12-metossi-ibogaina) è una sostanza psicoattiva – alcaloide indolico monoterpenico- presente in numerosi vegetali, principalmente nell’iboga (Tabernanthe iboga) un arbusto della foresta pluviale, originario dell’Africa centro-occidentale.

Le radici di questo arbusto contengono 12 alcaloidi tra cui l’ibogaina, la tabernantina, l’ibogamina e la coronaridina.
E’ un allucinogeno ma la sua azione è anche in dipendenza della dose.
In Italia questo alcaloide è stata inserito nella lista delle sostanze stupefacenti e psicotrope dall’agosto 2016; è comunque illegale in molte altre nazioni.
La Nuova Zelanda, il Brasile e il Sudafrica classificano al contrario l’ibogaina come una sostanza farmaceutica e ne limitano l’uso solo ai medici autorizzati.

L’bogaina è stata utilizzata dagli sportivi come forma di doping e durante la 1a guerra mondiale per aumentare la resistenza dei militari (tavolette di Lambarénè).

Nei primi anni ’60 è stato casualmente scoperto che la somministrazione della molecola può determinare l’interruzione della dipendenza da eroina, senza crisi d’astinenza tanto che oggi è usata in diversi paesi per trattare la dipendenza da questo oppiaceo o da altre droghe come l’alcol, cocaina, crack e metamfetamine.
L’uso medico ha avuto comunque giudizi disaccordi ed è stato qualificato come sottocultura medica.

L’ibogaina ha la particolarità di avere:
a dosi basse, un’azione stimolante il sistema nervoso centrale
a dosi elevate, ha proprietà allucinogene.

Il meccanismo d’azione dell’ibogaina è apparentemente nuovo e non ben chiarito; la sua azione clinica, nei confronti degli oppiacei, è in un certo senso inspiegabile dalle sole interazioni recettoriali conosciute. (6,36,37). Questa piccola molecola può essere così considerata un interessante prototipo per lo studio neurobiologico e la scoperta di altri farmaci.

L’ibogaina, la noribogaina (il suo principale metabolita) e il 18-MC:
  non agiscono come agonisti del recettore mu degli oppioidi
—  hanno una bassa affinità verso tale recettore
—  non attivano le proteine G e quindi la cascata di reazioni successive.

I principali effetti collaterali della sostanza sono le aritmie cardiache (prolungamento tratto Q-T), la degenerazione delle cellule cerebellari del Purkinje (neuroni che controllano la funzione motoria) e la neurotossicità in genere.

Attualmente gli effetti collaterali dell’ibogaina paiono superati dall’uso di alcuni derivati come il 18-MC (18-metossi-coronaridina) e la nor-ibogaina.

La nor-ibogaina si forma spontaneamente nell’organismo e secondo alcune ricerche essa è in grado di modificare, modulare l’attività di diverse vie neurali, compresa quella dopaminergica, della serotonina e dell’acetilcolina. In particolare pare ostacolare l’attività della dopamina inibendone direttamente il rilascio dalla VTA; allo stesso tempo però modifica la serotonina e l’acetilcolina che rallentano ed inibiscono l’azione della dopamina.
Inoltre la noribogaina (57,58) ha un’emivita più lunga rispetto al composto genitore e questo può forse giustificare la persistenza dei suoi effetti.

Thomas Kingsley Brown & Kenneth Alper, Treatment of opioid use disorder with ibogaine: detoxification and drug use outcomes, The American Journal of Drug and Alcohol Abuse, 2017

————————————————-

LA DIPENDENZA

NEWS

LE STORIE

LE DOMANDE

I VIDEO