uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

E’ morto a 46 anni l’attore Philip Seymour Hoffman…di eroina.

Ago nel braccio e accanto due bustine con i marchi Asso di Picche e Asso di Cuori. Sembra si facesse di eroina solo di recente, e che avesse ripreso a usare sostanze a�� prima pillole e poi cocaina a�� dopo 23 anni di sospensione degli abusi. Non si faceva da quando aveva 22 anni.

I giornali spendono parole per raccontarci fatti e frasi salienti di una vita, per cogliere le fratture nella condizione di felicitA� che noi spettatori attribuiamo alle persone famose: a�?Era solo nonostante il successoa�?, e la solitudine puA? essere spesso condizione di infelicitA� profonda.

A noi resta sottolineare, come anche nelle nostre STORIE, il fatto che malgrado abbia vissuto in 23 anni tanti momenti di infelicitA� profonda, come capita a tutti noi, per lui, ad un certo punto, il ricordo della roba A? tornato, ossessivo come possono esserlo i ricordi di un piacere intenso e risolutivo. La scorciatoia alla soddisfazione immediata che non si lascia dimenticare perchA? la roba pesante lascia impronte indelebili nella memoria. La memoria degli avvenimenti straordinari A? indelebile e quindi viene rievocata costantemente sia nella vita normale, che chiede avidamente eventi straordinari, sia nei momenti di infelicitA� o di particolare felicitA�; di questi, il primo perchA? cerca compenso, mentre il secondo cerca un rafforzamento della felicitA�.

Il cervello A? strutturato per essere eccessivo, per essere Dio! per cogliere qualsiasi occasione conveniente, ovunque essa sia, e l’eroina offre questo a�? tuttoa�? anche a chi ne ha giA� in abbondanza. A questa naturale tensione all’eccesso si aggancia la memoria degli intensi piaceri provati.

Questo meccanismo A? la causa delle ricadute e delle recidive.

Philip Seymour Hoffman A? morto. Poteva essere un nostro paziente.

Dr.ssa Carla Caterina Rocchi

 

tags: #eroina #hoffman overdose

I commenti sono chiusi.

 

European Drug Report 2018: Trends and Developments.

High availability of drugs across all types. Over 1 million seizures in Europe in 2016. Over 92 million adults in the EU have tried an illicit drug in their lifetime. 1.3 million people received treatment for illicit drugs. Cocaine purity at street level reached its highest level in a decade. Increase in number of cocaine seizures. Increase in cocaine residues in wastewater in 26 of 31 cities between 2015 and 2017. Rise in number of first-time admissions to specialised treatment for problems related to cocaine. Europe is an important market for drugs trafficked in from other regions. But there are worrying signs of increased drug production inside Europe. Cannabis availability and use remain high. Cannabis is involved in 77 % of drug law offences. Rapid emergence of a commercial cannabis market in parts of the Americas. Fewer new psychoactive substances reported for the first time. But there is more evidence of harm. Health harms linked to highly potent new synthetic cannabinoids and synthetic opioids prompted nine risk assessments. Synthetic cannabinoids are the most frequently seized NPS in Europe. Synthetic opioids and particularly fentanyl derivatives are increasingly detected. Fentanyl derivatives — key players in the US opioid crisis — call for concern & vigilance. NPS use and related harms are a new challenge for prison system. Prisons are a critical setting for addressing the healthcare needs of drug users. Online markets appear to be of growing importance. A recent EMCDDA–Europol study identified more than 100 darknet markets. Concerns over unlicensed benzodiazepines sold on the street and online. Increasing number of overdose deaths raises concerns. Renewed focus on the role of take-home naloxone in overdose response strategies. Read more in the European Drug Report 2018: emcdda.europa.eu/edr2018

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA