uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Il business della salute nella prevenzione del gambling

Stamani, appena entrata in redazione di a�?Insostanzaa�? la mia giovane collega , piena di entusiasmo miA� chiede di poter A�partecipare ad un convegno sulla prevenzione delle dipendenze comportamentali. A�Si tratta di una serataA� sulla��argomento rivolta alla cittadinanza con lo scopo diA� informare A�e prevenire comportamenti a rischio.

Non sono nuova a esperienze del genere e generalmente non mi procura ansia parlare davanti ad un pubblico, quello che invece mi mette in agitazione A? cosa dire che non sia giA� stato detto, che non sia una��ovvietA�A� trita e ritritaa�� ma soprattuttoA� riuscire a parlare di argomenti dove la parte teorica e clinica A? strettamente collegata a quella umana senza cadere nelle banalitA�.

Per distrarmi dal dilemma, prendo uno deiA� quotidiani che a�? il capoa�? puntualmente il lunedA� mattina ci mette sul tavolo e dove incappo?A� Ca��A? un articolino su a�? Corriere della seraa�? intitolato a�? Il gioco della giustizia sul dramma delle slota�?,A�unA� articolino breve ma significativoa�� e questo A? A�bastato per farmi arrabbiarea��

In sostanza che dice?

Nel 2007 i big delle slot machineA� Lottomatica, Sisal, Snai, Cogetech, Cirsa, Gamenet, Codere,Bplus e Hbg furono accusati di evasione fiscale per non aver collegato gli apparecchi al sistema di controllo informatico del Monopolio di Stato, piA? violazione dei contratti e penali variea��

Sono passati 8 anni e da una richiesta risarcitoria di 98 miliardi le societA� chiudono i conti con lo Stato sfruttando un condono del governo Letta ( il decreto Imu ) con una condanna di poco piA? di 800 milioni. Meno della��1%!

a�?Vicenda chiusaa�? scrive la��autore della��articolo e si spinge oltre, chiedendosi se a suo tempo ci sia stato un eccesso di protagonismo da parte di una Procura che da una richiesta economica cosA� alta si accontenta di appena la��1%, come dire che lo schiaffoa�? ai potenti a�?diventa un buffetto.A� O dalla��altro lato, saranno forse le lobby delle Slot a essere talmente forti da condizionare il sistema e uscirne sempre vincenti con un ricco Jackpot?

Si A? vero, chi mi conosce sa che io mi arrabbio spesso sulle questioni del mondo e le sue ipocrisie, sa anche che penso molto cinicamente che il gambling, come del resto tutte le dipendenze, incide nella popolazione con numeri irrisori se commisurati ai ricavi ; i datiA� nella��anno 2012 del Ministero della Salute hanno stimato in ItaliaA� i giocatori patologiciA� tra lo 0,5% e il 2,2%; come dire che facendo una media 1 su 100 non ce la fa a��

Sempre della��1% si tratta!

Ma chi mi conosce sa anche che per me quella��1 non A? un numero. Ea�� una vita che conosco, un vita vittima della��ignoranza, che quando chiede aiuto A? perchA� i debiti la�� affogano. Ea�� un volto che viveA� nella vergogna, nella menzogna, nella speranza illusoria che la slot a lui, proprio a lui, faccia sentire il rumore delle monetine che escono scintillanti dalla macchina.

E allora ho deciso che parteciperA? al Convegno, parteciperA? consapevole che lo Stato versione Las VegasA� che mette a bilancio gli introiti con cui paga anche me presente a Libro-Paga in quanto sua dipendente; e lo Stato che a�? promuove e tutela la salute, come fondamentale diritto della��individuo e interesse della collettivitA� a�? ( Art. 32 della Costituzione Italiana ) sono la faccia della stessa medaglia, un grande conflitto di interesse dove un operatore della salute ha qualche possibilitA� di a�? salvarsi e di salvare a�? solo se fa e continua a fare quello in cui crede: INFORMARE.

 

Gabriella Franchini

Due parole sull'autore

Gabriella Franchini

Infermiera specializzata presso USL n° 7 Alta Val d’Elsa al SERT. Mi occupo dei principali argomenti medici forniti dalle principali agenzie mondiali sulla prevenzione delle dipendenze...

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA