uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Esami tossicologici. Alcol o EtG nel capello

Per rinnovo patente mi faranno esame del capello e cercano l’EtG.
Quanto deve bere uno perchè nel capello si accumuli l’EtG.
L’EtG si accumula nel capello anche per bevute moderate ?
Se è così allora non bisognerebbe bere per niente entro i 3 mesi prima dell’esame.
E’ possibile ?

Risposta

Non si cerca l’alcol nel capello; meglio, di norma, non viene richiesta questa indagine.
Per essere sicuri dell’assunzione di alcol a distanza di qualche tempo, occorre ricercare l’EtG presente nelle urine sino ad una settimana dall’assunzione o anche nel capello dove si accumula .
L’EtG o etilglucuronide si accumula nel capello anche per bevute moderate.
La lunghezza del capello (1 cm al mese) consentirà di stabilire sino a che tempo risale l’assunzione di alcol.
Ad es. un controllo che comprende un periodo di 3 mesi potrà stabilire se la persona ha o meno bevuto in questo lasso di tempo.

Il rilievo dell’EtG nella matrice cheratinica dipende anche dal cut-off proposto o richiesto dalla Commissione.

Un piccolo schema:
un cut-off inferiore a 4 pg/ml è compatibile con un consumo di alcol inferiore a 30 g/die.
Più o meno 3-4 bicchieri di vino al die
– tra 4-30 pg/ml è compatibile con un consumo di alcol inferiore tra 30 e 60 g/die circa 7-8 bicchieri die da 125 ml
– un cut-off maggiore di 30 pg/mg è compatibile con un consumo di alcol inferiore > di 60 g/die, più di 1 litro al giorno.

La’accumulo di EtG A? condizionato molto dal tipo di capello; se sono ricci, scuri e con diametro grosso (non fini) legano in modo piùefficace gli xenobiotici.
Quindi auguri.

montefrancesco

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA