uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Il resveratrolo nel trattamento dei disturbi alimentari?

Il resveratrolo, una fitoalessina appartiene alla famiglia di composti polifenolici non flavonoidi, A? presente negli acini dell’uva, nel vino, in alcune bacche e semi oleosi (arachide) ed in particolari piante. L’interesse dei ricercatori per questa sostanza A? in costante crescita, infatti molte ricerche in vitro hanno valutato la sua potenzialitA� terapeutica nella prevenzione di molte patologie o per rallentare l’invecchiamento. Tra gli effetti benefici attribuiti a questa sostanza si riscontra l’attivitA� antiossidante, diminuzione dell’incidenza di cancro, aumento di resistenza allo stress, incremento della funzione neuronale e neurogenesi.

Recentemente si riporta che il resveratrolo attiva una Sirt1 proteina, fondamentale nel controllo dei disordini metabolici e riduce l’obesitA� associata a patologie nei topolini (1).
Un altro studio (2) invece dimostra l’affinitA� di legame del resveratrolo, a concentrazioni nano molari,A� per i recettori dei cannabinoidi CB1 sia umani che di topo.

Il resveratrolo si comporta come un antagonista competitivo dei recettori CB1 centrali; tale azione viene esplicata in presenza di agonisti (per tali recettori) e quindi si puA? ipotizzare che il complessivo risultato sia dovuto al di blocco della stimolazione dell’appetito, una delle tante attivitA� dei cannabinoidi endogeni, dei cannabinoidi di sintesi che dei fitocannabinoidi (marijuana, haschisc, olio).

La scoperta di nuovi composti polifenolici con molteplici attivitA� eA� non tossici, puA? potenzialmente aumentare le opportunitA� terapeutiche nei confronti dell’obesitA� e forse anche in qualche altra forma di dipendenza.

(1). Shimizu T, Shirasawa T. Anti-aging effects by caloric restriction. Nippon Rinsho. 2009 Jul;67(7):1366-71.
(2) Seely KA, Levi MS, Prather PL. The dietary polyphenols trans-resveratrol and curcumin selectively bind human CB1 cannabinoid receptors with nanomolar affinities and function as antagonists/inverse agonists. J Pharmacol Exp Ther. 2009 Jul;330(1):31-9. Epub 2009 Apr 9.

Dott.ssa Lucia Micheli, ricercatore

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA