uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Invecchiamento precoce dei pazienti trattati con farmaci antivirali. HIV

Immagine: tratta dal film Dallas Buyers Club. Matthew McConaugheyA�protagonista del filmA�

Negli ultimi anni, il trattamento con efficaci farmaci antiretrovirali (analoghi nucleosidici della trascrittasi inversa) A? risultato in un drammatico aumento nella��attesa di vita degli individui affetti da infezione da HIV, che ora, se trattati, possono raggiungere etA� avanzate e purtroppo essere a rischio per lo sviluppo di patologie croniche associate alla��invecchiamento (cirrosi, malattie cardiovascolari, insufficienza renale, tumori etc) (Effros RB, et al 2008).
Infatti, pur se efficacissime nel contenere gli effetti della��infezione, proprio queste terapie sembrano associare a precoci segni e patologie da invecchiamento.
Tale condizione A? per certi versi simile a quanto osservato nei topi transgenici per un difetto della polimerasi del DNA mitocondiale (pol I? del mtDNA) che, da un lato accumulano mutazioni del mtDNA e, dalla��altro, vanno incontro ad invecchiamento precoce. Non A? chiaro se le mutazioni del mtDNA precedano la��invecchiamento, e ne rappresentino quindi la causa, o, viceversa, lo seguano, costituendone un effetto secondario.
A questo proposito, Payne BAI e collaboratori, del Mitochondrial Research Group (Institute of Genetic Medicine) della��UniversitA� di Newcastle, in un lavoro pubblicato A�sulla prestigiosa rivista Nature Genetics (Payne BA, et al) riportano prove sperimentali a sostegno di una spiegazione del meccanismo che sosterrebbe tale condizione.
In breve, gli autori suggeriscono che la��aumento delle mutazioni mitocondriali (somatiche) non sia il prodotto di una aumentata frequenza di mutazione ma, piuttosto, sia associato ad un accelerato turnover del DNA mitocondriale che, a sua volta, comporterebbe una espansione clonale delle mutazioni pre-esistenti (che si producono spontaneamente nella sequenza del DNA). Questo, per altro, potrebbe risultare anche attraverso altri meccanismi, come di selezione positiva delle sequenze mutate.
Gli autori sostengono che questa teoria restituisca razionale patogenetico per la��effetto collaterale di invecchiamento precoce osservato in pazienti affetti HIV trattati con antivirali (i quali, per la maggior parte, sono individui dei paesi in via di sviluppo, che necessariamente si affidano a farmaci sicuramente efficaci ma dai costi meno proibitivi) ed, inoltre, sottolineano la��importanza che le mutazioni del mtDNA sembrano sostenere nei processi fisiologici di invecchiamento nella��uomo.

Effros RB, Fletcher CV, Gebo K, Halter JB, Hazzard WR, Horne FM, Huebner RE, Janoff EN, Justice AC, Kuritzkes D, Nayfield SG, Plaeger SF, Schmader KE, Ashworth JR, Campanelli C, Clayton CP, Rada B, Woolard NF, High KP. Aging and infectious diseases: workshop on HIV infection and aging: what is known and future research directions. Clin. Infect. Dis. 47, 542a��553 (2008).
Payne BA, Wilson IJ, Hateley CA, Horvath R, Santibanez-Koref M, Samuels DC, Price DA, Chinnery PF. Mitochondrial aging is accelerated by anti-retroviral therapy through the clonal expansion of mtDNA mutations. Nat Genet. 2011 Jun 26;43(8):806-10

Dr. Alfredo Orrico

 

tags: #hiv #invecchiamento

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA