uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Le e-sigarette e la loro pubblicitA� negli Stati Uniti

Un recente sondaggio svolto in America per monitorare gli atteggiamenti sull’utilizzo futuro di sostanze,A� ha rivelato che gli adolescenti hanno adottato in grande stileA� le sigarette elettroniche. Infatti sono in aumento i giovani che preferiscono le e-sigarette rispetto alle sigarette normali.A� Nonostante siano in corso ricerche scientifiche, e si dibatta sugli effetti dannosi o meno per salute, sappiamo da esperienze passate, cheA� le campagne di marketing sull’uso di tabacco e altre sostanze puA? portare ad assuefazione, per questo la comunitA� scientifica chiede che si ponga attenzione intorno a questi prodotti.

Fumare la sigaretta elettronica A? cool?
Negli Stati Uniti,A� le e-sigarette sono state aggressivamente pubblicizzate e commercializzateA� come oggettiA� glamour che agevolano gli utenti, ad esempio dando loro la libertA� di “Lampare” in luoghi pubblici in cui fumare A? vietato. E anche se i rivenditori sono spesso attenti a non fare affermazioni esplicite sulla salute, A? il senso di a�?libertA�a�? che implicitamente viene venduto; la libertA� di fumare senza timore di conseguenze per la salute a lungo termine, come la morte di cancro o malattie cardiache. Ed anche il fatto che pare non produca nel prossimo i guai del fumo passivo.

Chi si ricorda la storia del marketing sulle sigarette avrA� certamente un dA�jA� vu. La libertA� era il concetto utilizzato nel promuovere l’uso di sigarette nella popolazione femminile negli anni 20/30. Anche in Italia, sopratuttoA� negli anni ’50 le campagne pubblicitarieA� erano improntate a sostenere la donna nel sentirsi liberaA� e indipendente.

Danni per la salute
Anche se il vapore prodotto dalla sigaretta elettronica non contiene catrame, che A? la principale causa di cancro ai polmoni,A� puA? comunque contenere altre sostanze chimiche potenzialmente dannose. Al momento non ci sono controlli normativi su questi prodotti, la maggior parte di esse vengono prodotti in Cina, e la sperimentazione sui vapori di alcune e-sigarette ha mostrato che i metalli tossici, sono eventualmente prodotti dal meccanismo di vaporizzazione.A� Ma anche l’inspirazione della nicotina puA? esporre a rischi. Studi fin qui condotti sulla sigaretta elettronica, del resto, come sostenuto dal report della��Oms, destituiscono di fondamento la teoria in base secondo laA� quale le e-cigarette sarebberoA� costituite semplicemente di vapore acqueo. Inoltre non A? stato comunque escluso il rischio da A�fumo passivoA�.

La normativa
Nel nostro paese una��ordinanza firmata dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, e pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 4 ottobre, sancisce a chiare lettere: A�A? vietata la vendita ai minori di anni diciotto di sigarette elettroniche con presenza di nicotinaA�. Tuttavia si puA? fumare con altre tipi di sostanze anche in luoghi pubblichi.A� In America al contrario c’A? libertA� assoluta e dataA� questa incertezza A? prematuro pubblicizzare , secondo la FDA (l’organo americano responsabile della salute pubblica sui cibi e le droghe), il prodotto come appunto, un’ oggetto di “libertA�”.

Campagna pubblicitarie
A parte i possibili rischi connessi alla nicotina, ciA? che risulta grave A? cheA� negli Stati Uniti l’uso della sigaretta elettronica A? reso un gesto normale e il comportamento dei fumatori A? considerato trendy, aspetti che erano stati stigmatizzati con successo attraverso le campagne di salute pubblica degli ultimi decenni contro le sigarette.A� L’indagine ha rilevato cheA� molti ragazzi che utilizzano le e-sigarette sono anche fumatori di sigarette tradizionali; pertanto sarebbe tragico se le e-sigarette riaprisseroA� la porta all’uso del tabacco negli adolescenti,A� uso cheA� A? stato lentamente ma inesorabilmente diminuitoA� dalla fine degli anni ’90.

Come operatori della prevenzione la FDA ci suggerisce che dobbiamo essere cauti e non suonare campanelli di allarme prematuramente. SarA� infatti un bene se la ricerca futura potrA�A� mostrare che l’ e-sigarette sonoA� utili ausili per i fumatori che hanno difficoltA� a smettere. Tuttavia sappiamo cheA� A? nostro compito impedire che droghe e i comportamenti di abuso siano di moda tra i giovani,A� come ad esempio cheA� si diffonda anche in italia il concetto per cui fumare le e-sigarette siaA� “figo” ma che sopratuttoA� rappresenti la”libertA�”, in sostanza che si torni anche per queste,A� indietro a 50 o 60 anni fa.

 

LEGGI L’ARTICOLO DI ADUC: Sigaretta elettronica. Pericolo dipendenza nicotina per gli adolescenti

 

 

 

tags: #e-sigarette #sigarette elettroniche #sigarette elettroniche nocive #sigarette nicotica elettroniche #smettere di fumare

Due parole sull'autore

Aimone Pignattelli

Psicologo, esperto nella relazione di aiuto per le marginalità sociali, giornalista pubblicista.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA