uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Marijuana, vomito continuo e ripetuto

La notizia A? completamente ripresa da Medscape news

La sindrome iperemesi (vominto continuo e ripetuto) da cannabinoidi A? un’entitA� clinica, da tempo descritta; essa A? correlata all’uso a�?pesantea�? di marijuana ed A? caratterizzata da dolori addominali e vomito ciclico.
La sintomatologia, in assenza di diagnosi differenziale, impone procedure diagnostiche spesso inutili costose e che producono frustrazione sia nel paziente che nel medico.

Presentiamo 2 casi cosA� come riportato da Medscape
Il primo case report descrive di un uomo di 39 anni presentatosi al Pronto Soccorso lamentando da 2 giorni dolore epigastrico e vomito incoercibile alleviato solo da docce calde. Riferisce inoltre che simili episodi, si erano verificati negli ultimi sei anni almeno 2 volte al mese. Dalla��anamnesi emerge un significativo uso quotidiano di marijuana da circa 20 anni. Assenza di patologie croniche e assenza di trattamenti farmacologi in atto.
Le indagini effettuate in precedenza per risolvere la��emesi avevano dato risposta negativa sia con ecografia, endoscopia e Tac della��addome che rilevava lassitA� epigastrica. Il controllo addominale durante il periodo di degenza confermava la��assenza di patologie ed in piA? il trattamento con ondansetron e metoclopramide (comuni antiemetici) era risultato inefficace.
Ovviamente veniva riscontrata positivitA� nelle urine al tetraidrocannabinolo (THC) e il vomito cessava spontaneamente,A�dal 2A� giorno del ricovero, con l’astinenza dalla marijuana.

Il secondo caso descrive di un giovane di 19 anni con una storia di 2 settimane di vomito ricorrente associata a bruciore epigastrico. La sua storia medica era significativa solo per uso di marijuana piA? volte al giorno negli ultimi due anni.
Al pari del precedente caso, la��anamnesi A? negativa per patologie , gli esami ematici sono nella norma e la sintomatologia trattata con ondansetron e metoclopramide non viene risolta dai due farmaci. PositivitA� nelle urine al tetraidrocannabinolo.
In entrambi i casi, i soggetti interessati riferivano di sollievo temporaneo nel praticare docce o bagni caldi e soprattutto astenendosi dalla marijuana.

La letteratura descrive sin dal 2004 la sindrome di iperemesi da cannabinoidi.
Tutti i casi descritti sembrano avere le stesse caratteristiche:
a�? dolore addominale
a�? vomito ciclico, ripetuto
a�? attenuazione della sintomatologia praticando ripetuti bagni caldi
a�? piena risoluzione del quadro sintomatologico dal 2A� giorno di astensione dalla��uso di marijuana.

L’uso della cannabis e i suoi derivati come antiemetici a avviene presumibilmente per azione antagonista di questi sui recettori serotoninergici (5-HT3) presenti nel nucleo del tratto solitario quanto sui recettori dopaminergici D2.

Per contro, il meccanismo che determina il vomito in consumatori abituali di marijuana pare poter essere imputato ad una perturbazione della��equilibrio tra effetti pro e antiemetici, tale da indurre il “paradosso ” del vomito.
Si ipotizza, in sostanza, che la continua sollecitazione provocata dalla��uso di marijuana stimoli i recettori CB1 periferici (ovvero quelli presenti esternamente al SNC e, nel caso, quelli in zona gastro-enterica), e ciA? potrebbe rallentare lo svuotamento gastrico, condizione che se protratta A�puA? costituire forte stimolo alla��emesi.
In realtA� potrebbero entrambe le azioni, centrali e periferiche, favorire i ripetuti episodi di vomito ed il dolore addominale.
La componente piA? interessante dei casi A? la��uso compulsivo della��acqua calda – doccie o bagni – che interrompe il processo della��emesi, oltre che non fumare la cannabis.
Le interpretazioni per il caso sono quelle che teorizzano come favorevole alla risoluzione della sintomatologia la redistribuzione del flusso sanguigno dalla��intestino al tessuto epiteliale indotto dai bagni caldi.
Tale nuova distribuzione ematica (furto ematico cutaneo) potrebbe forse allontanare i cannabinoidi dal siti CB1 gastrointestinali e ridurne cosA� gli effetti da questi indotti quando presenti in elevate concentrazioni.

Il trattamento A? di supporto ed educativo.
Durante la fase acuta del vomito, si consiglia un trattamento di sostegno mirato alla gestione del dolore addominale, a garantire un giusto apporto di liquidi ed a trattare la prevenzione del vomito con farmaci antiemetici come gli antagonisti D2 ( metoclopramide = Plasil ) o dei recettori serotoninergici 5-HT3A�(ondansetron = Ondansetron B ), anche se gli effetti sono risultati minimi se non addirittura nulli.

Mentre nel mondo la��uso di marijuana sia dal punto di vista terapeutico che ludico si sta progressivamente alzando,A? probabile che vedremo aumentare anche il numero dei consumatori di tale sostanza.
Questo potrebbe determinare in maniera esponenziale il numero di casi di sindrome di iperemesi dovuta al consumo di cannabinoidi . Il personale sanitario dovrebbe quindi essere consapevole di questa condizione ed essere in grado di fare diagnosi differenziale in soggetti con una forte storia di abuso di cannabis .

Gabriella Franchini Infermiera

Jennifer E. Williamson, et al. Cannabinoid Hyperemesis Syndrome: Cyclical Vomiting Behind the Cloud of Smoke, 2014.
D.A. Patterson et al., Cannabinoid hyperemesis and compulsive bathing: a case series and paradoxical pathophysiological explanation, J Am Board Fam Med, 23 (6) (2010), pp. 790a��793

 

 

tags: #cocaina #marijuana

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA