uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Marijuana, nuove scoperte.

Una nuova ricerca fornisce un quadro piA? dettagliato della struttura del recettore (CB1) dei cannabinoidi presente nel nostro organismo.
Questi risultati forniscono conoscenze fondamentali dei cannabinoidi naturali e sintetici e della sostanza chimica principale il tetraidrocannabinolo (THC), il cui legame appunto con il recettore CB1 A? quello che produce gli effetti psicotropi.
In realtA� vi A? un notevole interesse anche per i possibili usi terapeutici della marijuana e gli elementi chimici in essa presenti i cannabinoidi, complessivamente piA? di 60.
Le molecole che hanno come target i recettori CB1 possono avere potenzialitA� nel trattamento di una varietA� di condizioni come il dolore, infiammazione, l’obesitA�, malattie delle cellule nervose ed anche nei disturbi da uso di droghe. Tuttavia, alcuni cannabinoidi sintetici come gli Spice possono produrre reazioni gravi e anche mortali, mentre altri cannabinoidi producono effetti collaterali meno gravi.

“I cannabinoidi possono produrre risultati molto diversi, a seconda di come si legano al recettore CB1”, ha detto direttore di NIDA Nora D. Volkow, MD “Capire come queste sostanze chimiche si legano al recettore CB1 aiuterA� a guidare la progettazione di nuovi farmaci e fornirA� una migliore conoscenza del sistema cannabinoide proprio del nostro organismo come promessa terapeutica “.
I ricercatori hanno utilizzato una specifica sostanza chimica, l’AM6538, per inattivare e cristallizzare il recettore CB1. Essi poi hanno calcolato la struttura tridimensionale del complesso CB1-AM6538 attraverso la cristallografia, che puA? restituire il disegno molecolare misurando gli angoli e l’intensitA� di raggi X che rimbalzano sulla una struttura cristallina. Sulla base di prove precedenti che mostravano come specifici cannabinoidi si legano a diverse configurazioni chimiche, i ricercatori sono stati ora in grado di prevedere come questi cannabinoidi potrebbero adattarsi entro il modello tridimensionale dei CB1.

Il modello A? stato utilizzato anche per calcolare quanto tempo ogni cannabinoide permane legato al recettore CB1, fornendo in tal modo le ragioni del meccanismo per cui alcune sostanze chimiche producono effetti di piA? lunga durata.
“Abbiamo scoperto che il recettore CB1 A? costituito da piA? sotto-alloggiamenti e canali. Questa complessa struttura permetterA� di progettare sostanze chimiche (farmaci) differenti in grado di colpire specificamente porzioni del recettore per produrre specifici effetti.” ha detto Alexandros Makriyannis, Ph.D., direttore del Center for Drug Discovery, Northeastern University di Boston e co-autore del lavoro.

La ricerca A? stata finanziata da NIDA, National Institute on Drug Abuse .
http://www.cell.com/cell/abstract/S0092-8674(16)31385-X

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

European Drug Report 2018: Trends and Developments.

High availability of drugs across all types. Over 1 million seizures in Europe in 2016. Over 92 million adults in the EU have tried an illicit drug in their lifetime. 1.3 million people received treatment for illicit drugs. Cocaine purity at street level reached its highest level in a decade. Increase in number of cocaine seizures. Increase in cocaine residues in wastewater in 26 of 31 cities between 2015 and 2017. Rise in number of first-time admissions to specialised treatment for problems related to cocaine. Europe is an important market for drugs trafficked in from other regions. But there are worrying signs of increased drug production inside Europe. Cannabis availability and use remain high. Cannabis is involved in 77 % of drug law offences. Rapid emergence of a commercial cannabis market in parts of the Americas. Fewer new psychoactive substances reported for the first time. But there is more evidence of harm. Health harms linked to highly potent new synthetic cannabinoids and synthetic opioids prompted nine risk assessments. Synthetic cannabinoids are the most frequently seized NPS in Europe. Synthetic opioids and particularly fentanyl derivatives are increasingly detected. Fentanyl derivatives — key players in the US opioid crisis — call for concern & vigilance. NPS use and related harms are a new challenge for prison system. Prisons are a critical setting for addressing the healthcare needs of drug users. Online markets appear to be of growing importance. A recent EMCDDA–Europol study identified more than 100 darknet markets. Concerns over unlicensed benzodiazepines sold on the street and online. Increasing number of overdose deaths raises concerns. Renewed focus on the role of take-home naloxone in overdose response strategies. Read more in the European Drug Report 2018: emcdda.europa.eu/edr2018

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA