uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:
spice da www.talkingdrugs.org - insostanza.it

Marijuana sintetica e danno renale acuto

I cannabinoidi sintetici sono una grande famiglia di composti, con differente struttura chimica, che agiscono come il THC, principio attivo presente nella cannabis ad attivitA� psicotropa, ma sono molto piA? efficaci.

Essi si legano agli stessi recettori cerebrali cui si legano sia gli endocannabonoidi (i cannabonoidi presenti nel nostro organismo) che i fitocannabinoidi (i cannabinoidi che derivano dalla pianta della canapa). Tali sostanze vengono comprese tra le nuove sostanze da��abuso.

SPICE (o Spice Gold o K2) A? il nome con il quale i cannabinoidi di sintesi vengono commercializzati, in forma di miscele di erbe e con associata la raccomandazione a�?non per uso umanoa�?. Sono venduti come incensi, sali da bagno o deodoranti ambientali capaci di rilassare per il loro speciale profumo. Tutti questi prodotti sono etichettati naturali e legali (legal highs o herbal highs).
Sono acquistabili via internet e senza limiti di etA� .
Secondo le analisi i cannabinoidi sintetici piA? frequentemente rilevati in tali misture sono i: A�JWH-018, JWH-073, JWH-398, JWH-250; HU-210; CP-47,497; oleamide.

Queste preparazioni vengono fumate esattamente come la marijuana a�� ma possono anche essere ingerite o se ne inalano i vapori – e sembrano indirizzate soprattutto ai piA? giovani consumatori ovvero a coloro i quali desiderano provare i cannabinoidi ma li evitano per le conseguenze legali; tra la��altro i cannabinoidi sintetici non possono essere rilevati dagli esami tossicologici di routine.
Il costo A? relativamente basso, negli USA A? di 20 dollari al grammo.

In una ricerca condotta negli Stati Uniti e che sarA� pubblicata nel numero di marzo Clinical Journal of the American Society of Nephrology vengono riportati 4 casi di danno renale acuto, con oliguria (ridotta produzione di urina), associato all’uso di SPICE in soggetti precedentemente sani. La biopsia renale, eseguita in tre di questi pazienti, ha mostrato una necrosi tubolare acuta che se non ben curata puA? condurre a gravi conseguenze. Nei casi di specie comunque, tutti hanno mostrato il recupero della funzione renale senza necessitA� di terapia sostitutiva renale (dialisi).

Non A? stato individuato il responsabile di tale nefrotossicitA� ma bisogna tener conto che nelle misture, e non solo in questa, A? possibile che siano presenti adulteranti o contaminanti che spesso procurano gravi conseguenze. La stretta associazione tra aspetti clinici e sviluppo temporale dei casi e stessa provenienza dei 4 consumatori hanno suggerito un’associazione tra quanto accadeva clinicamente e la��uso di preparazioni di Spice.
Il danno renale acuto deve quindi essere aggiunto ai giA� numerosi effetti collaterali che si osservano negli utilizzatori di cannabinoidi sintetici; generalmente costoro possono andare incontro a disturbi cardiaci per insulto coronarico o a quadri psicotici o notevole alterazione del comportamento ed alterazione della memoria o immediati disturbi cognitivi
In caso di acuta nefrotossicitA� in giovani pazienti a�� le cui urine risultino negative alle droghe – va anche considerata la possibilitA� che il quadro patologico possa derivare dalla��uso di cannabinoidi sintetici.

giuseppe montefrancesco
Bibliografia
Gautam Kantilal Bhanushali et al., AKI Associated with Synthetic Cannabinoids: A Case Series., Clinical Journal of the American Society of Nephrology.

 

tags: #cannabinoide sintetico #cannabinoidi #thc

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA