uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:
Khat di eesti da flickr.com

Dieci milioni di masticatori di Khat

Khat (noto anche comeA� qat, chat, miraa, murungu, tA? arabo o abissino) comprende le foglie e germogli freschi di Catha edulis, un arbusto sempreverde coltivato in Africa orientale e nella parte Sud-Ovest della Penisola Arabica.
La sua diffusione in tali regioni A? dovuta anche al fatto che la pianta non A? proibita dal Corano come invece la��alcol. Il suo uso solleva notevoli preoccupazioni per i riflessi di tipo sociale; assenteismo, impoverimento, mancanza di iniziativa, malnutrizione per la��azione anoressizzante.
Secondo alcune stime circa 10 milioni di persone nel mondo masticano il khat.

Khat in foglie di banano

Il khat A? tipicamente avvolto in foglie di banano (come da immagine).
I principi attivi del khat sono soprattutto il catinone e la catina (nor-pseudoefedrina), chimicamente molto simili alle amfetamine e al metilcatinone.
Come questi sono infatti costituiti da un gruppo benzenico ed una catena laterale, ove si possono operare moltissime sostituzioni ed ottenere svariate sostanze. Il fatto che non abbiamo effetti allucinogeni ma solo effetti stimolanti A? perchA� non vi A? alcuna sostituzione sulla��anello benzenico, come ad es. quelle osservabili nella mescalina o anche nella��ecstasy (MDMA).
Non sono ovviamente delle catecolamine.
Quindi sia il catinone e catina sono strettamente correlate a amfetamine, e gli effetti farmacologici di catinone sono qualitativamente simili a quelli delle amphetamine, sono cioA? degli eccitanti ma anche meno potenti di queste ultime.

Il Khat viene masticato (solo le foglie fresche perchA� il catinone degrada rapidamente in quelle vecchie o secche) e in tal modo rilascia queste sostanze nella saliva poiA� rapidamente assorbite ed eliminate.

Per approfondire leggi la nostra review sul Khat

 

tags: #khat

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA