uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Le carie delle metamfetamine

Un nuovo studio finanziato dal National Institute on Drug Abuse (NIDA) e condotto presso l’UniversitA� della California, Los Angeles (UCLA), documenta che in coloro i quali utilizzano le metamfetamine vi A? una elevata frequenza di carie e malattie gengivali caratteristiche di questo tipo di uso.

L’ampio studio che ha riguardato571 utenti di metamfetamina ha trovato che:
– il 96 per cento aveva avuto carie dentali
– il 58 per cento aveva carie non curate.
– solo il 23 per cento aveva mantenuto i denti naturali (nella popolazione generale degli stati uniti quasi il 50% conserva la propria dentatura ).
Lo studio ha trovato che gli adulti che riferiscono di fare un uso moderato o pesante di metamfetamineA�hanno una probabilitA� doppia di avere carie dentali non curate rispetto agli utilizzatori leggeri; sono considerati consumatori leggeri coloro i quali assumono le metamfetamine meno di 10 giorni al mese.

Soggetti piA? anziani (etA� 30+), donne e fumatori di sigarette vengono colpiti in modo sproporzionato da malattie dentali e parodontopatie.
Una percentuale significativa di partecipanti (40 per cento) sono spesso auto-consapevoli o imbarazzati a causa delle condizioni dei loro denti o protesi.
I ricercatori hanno sottolineato che i tassi elevati e modelli distintivi di danni dentari potrebbero essere un segnale importante di un possibile uso di metamfetamine nei loro pazienti; inoltre aggiungono che la visita odontoiatrica potrebbe creare la necessitA� o anche la��occasione, da parte dei dentisti, di un trattamento completo che comprenda sia la condizione orale che il consumo di metamfetamine .
Journal of American Dental Association

http: //jada.ada.org/article/S0002-8177 (15) 00977-0

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA