InSostanza News

Fatti e notizie dal mondo delle dipendenze.

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Gli effetti allucinogeni dell’MDA

15 Gen 2011

I meccanismi delle alterazioni visive indotte da sostanze sono poco conosciuti. Negli ultimi decenni, pochissimi allucinogeni serotoninergici sono stati studiati negli esseri umani malgrado l’uso diffuso di queste droghe e la potenziale rilevanza della comprensione del loro meccanismo d’azione visto che tali fenomeni si verificano anche in disturbi psichiatrici e neurologici. Metodologia – Principali risultati […]

Leggi

Taglio delle memorie: scacco alle dipendenze ?

11 Nov 2010

In questi giorni, al meeting annuale della società di neuroscienze di San Diego, due giovanissimi ricercatori, Devin Mueller (professore di Psicologia presso l’Università di Wisconsin-Milwaukee) ed il dottorando James Otis, hanno presentato il loro ultimo studio sui processi cerebrali della memoria associati con la dipendenza da cocaina; lo straordinario risultato del loro lavoro apre le […]

Leggi

Gli effetti del fumare e bere nei geni cerebrali

25 Mag 2010

Il nucleo accumbens del cervello (NAC) è una regione del sistema meso-cortico-limbico dopaminergico ed è interconnessa con l’area tegmentale ventrale (VTA) e la corteccia prefrontale. Il sistema meso-cortico-limbico ha un ruolo centrale negli effetti di rinforzo acuto di molte droghe ed è quindi fondamentale nello sviluppo e nel mantenimento di una dipendenza patologica, oltre che […]

Leggi

Remifentanil al posto dell’epidurale; sperimentato a Careggi

25 Mar 2010

Il parto senza dolore ha un nuovo supporto farmacologico, a base d’oppio. Il reparto di anestesia del dipartimento materno infantile del Centro Ospedaliero Universitario di Careggi, diretto dalla dottoressa Anna Maria Melani, ha infatti condotto a termine una lunga sperimentazione del Remifentanil, oppioide di ultima generazione, iniettato per via endovenosa per “garantire alle donne che […]

Leggi

Modalità d’uso delle sostanze

25 Mar 2010

Il rapporto dei ricercatori del WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità) sulle modalità d’uso delle sostanze che sembrano trascendere i confini nazionali e sono dunque generalizzabili, riporta che: Il periodo di maggior rischio in cui si iniziano ad utilizzare le sostanze esaminate (in precedenza la tarda adolescenza fino ai 20 anni) ora si estende quasi fino […]

Leggi

Diagnostica dell’epatite da virus C

25 Mar 2010

Capita di frequente che soggetti che risultino “anti Hcv positivi” pongano al medico specialista la domanda se debbano considerarsi affetti da epatite ed assieme contagiosi. Data la rilevanza dell’argomento e la frequenza di questo riscontro appare opportuno fare delle precisazioni in proposito. Il test cosiddetto “anti Hcv” si basa sulla possibilità di mettere in evidenza […]

Leggi

Il virus dell’epatite C nelle siringhe

21 Feb 2010

Come è noto l’epatite da virus C si trasmette, con differenti modalità, principalmente attraverso sangue infetto*. Attualmente non esiste un vaccino contro l’HCV e i trattamenti sono problematici a causa della limitata efficacia, i costi elevati e gli effetti collaterali; se non curata l’HCV può provocare gravi malattie epatiche o anche la morte. L’infezione da […]

Leggi

L’ecstasy produce sentimenti di simpatia verso gli altri ma altera il giudizio

05 Feb 2010

La’MDMA o “ecstasy” aumenta i sentimenti di empatia e facilita la relazione sociale; questi effetti empatogeni suggeriscono che MDMA potrebbe essere utile per migliorare la psicoterapia in persone che presentano problemi di relazione con gli altri, come può verificarsi nell’autismo, nella schizofrenia o nei disturbi da personalità antisociale. L’ecstasy è parte delle cosiddette amfetamine entattogene/empatogene […]

Leggi

Ecstasy; la tossicità è dovuta allo stress ossidativo.

25 Gen 2010

In uno studio che sarà pubblicato dal Journal Neuroscience Research è stato studiato l’effetto di una singola dose di MDMA (ecstasy) sul sistema di difesa antiossidante cellulare, in diverse aree cerebrali di ratto (ippocampo, striato e corteccia frontale) dopo 3 e 6 ore dalla somministrazione. Parallelamente nelle stesse aree sono state identificate le espressioni morfologiche […]

Leggi

1 8 9 10 11