InSostanza News

Fatti e notizie dal mondo delle dipendenze.

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Il cebranopadolo per la cocaina

25 Gen 2018

Due recenti studi suggeriscono che i farmaci in grado di attivare contemporaneamente due tipi di recettori oppioidi possono indebolire la spinta degli utilizzatori di cocaina ad assumere lo stimolante. Questo “apre nuove prospettive sul trattamento della dipendenza da cocaina“. Gli scienziati avevano già osservato in precedenti studi, in animali e nell’uomo, che la somministrazione, ma […]

Leggi

Cocaina e ossitocina

12 Gen 2018

Circa il 30-60% dei pazienti in terapia di mantenimento con metadone (MMT), per disturbi da oppioidi, usa cocaina. Rispetto ad altri pazienti in MMT, la cocaina aumenta la gravità del quadro clinico e in tali condizioni si registra una maggiore frequenza di ricadute e di decessi. (Le percentuali riportate sono da dati americani. Non posso […]

Leggi

Cocaina e momenti della ricaduta

04 Ott 2017

Questa ricerca suggerisce che l’elettroencefalografia (EEG) può fornire una misura oggettiva della vulnerabilità alla recidiva, indotta da stimoli, in partecipanti dipendenti dalla cocaina ed indica che il periodo di astinenza dal primo al 6° mese è il momento di maggiore vulnerabilità alla ricaduta. Gli studi hanno dimostrato che le persone che cessano di assumere alcune […]

Leggi

Un nuovo farmaco contro la cocaina

02 Set 2017

La cocaina è una droga stimolante con elevatissime capacità di sviluppare dipendenza nell’utilizzatore. Essa agisce bloccando il trasportatore della dopamina (DAT), con conseguente rapido picco della dopamina nello spazio intersinaptico. In sostanza la dopamina non ritorna nel neurone presinaptico una volta che ha svolto la sua azione, al contrario rimane in questo spazio continuando ad […]

Leggi

Cocaina e vasculopatie.

03 Ago 2017

L’uso ricreativo di droghe, come la cocaina, è comune e diffuso in tutto il mondo e tale comportamento può provocare effetti collaterali particolarmente gravi. Recentemente l’uso della cocaina, insieme al suo adulterante più utilizzato, il levamisolo. è stato associato alla generazione di ANCA (autoanticorpi diretti verso alcuni componenti dei neutrofili e sono considerati un marker […]

Leggi

Le metamfetamine

03 Apr 2017

Secondo alcuni scienziati, la ragione per cui gli utilizzatori di metamfetamine trovano così difficile smettere che l’88 per cento ricadono anche dopo un trattamento riabilitativo – è che la sostanza sfrutta a suo vantaggio il naturale processo di apprendimento del cervello. Lo studio, in modelli di roditori, ha mostrato che la cessazione dell’uso di metamfetamine […]

Leggi

Ecstasy contro mefedrone; quale più pericoloso.

12 Feb 2017

Lo scopo di questo studio è stato quello di confrontare gli effetti di mefedrone con quelli dell’ecstasy o 3,4-metilendiossimetamfetamina (MDMA), secondo quanto riportato da giovani poliassuntori di droghe ricreative. Attraverso i vari siti di social, sono stati reclutati per la ricerca 152 utilizzatori di MDMA e 81 di mefedrone i quali hanno completato un questionario […]

Leggi

Perchè è così difficile controllare il consumo di cocaina.

13 Gen 2017

Un recente esperimento pare suggerire una risposta. I ricercatori hanno studiato l’effetto di cocaina su due tipi di neuroni nel cervello del topo. Un tipo di neurone interagisce con la dopamina attraverso recettori chiamati DR1 per cui vengono detti anche neuroni dell’urgenza. L’altro tipo si tratta di neuroni “accolgono” la dopamina attraverso recettori dopaminergici di […]

Leggi

Cocaina; in astinenza si ricasca di più entro 1-6 mesi.

25 Set 2016

I cocainomani sono più vulnerabili alla ricaduta tra il primo e il sesto mese (1-6 mesi) dalla cessazione d’uso della sostanza, periodo in cui più frequentemente si allontanano dal loro programma di trattamento. In realtà è questo il periodo in cui quindi essi hanno bisogno di maggior aiuto. Quanto osservato è il risultato di uno […]

Leggi

1 2 3 4 7