uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Noi possiamo solo stare accanto al fenomeno

Ho iniziato ad occuparmi di dipendenze tempo fa perchA� affascinata da quelle comportamentali e dal tabagismo.

Mi sono avvicinata al mondo delle sostanze, quando il primo giorno sono entrata in questa stanza, dalla quale adesso scrivo. Qui, in questo ufficio affollato, ci si occupa di prevenzione di qualsiasi forma di dipendenza. Questo lavoro richiede passione, coinvolgimento. Devi sentire dentro qualcosa, una spinta, un baco solitario che ti gira dentro, lo senti nello stomaco ma lo pensi nella testa. Ed A? questo il motore che accende e guida questa UnitA� Operativa di una piccola cittA� di provincia a uscire da questa stanza e raggiungere la gente.

Il mio capo una volta mi ha detto: a�?Noi possiamo solo stare accanto al fenomeno, non possiamo annientarlo. In fondo A? nella testa della��uomoa�?. Questo detto da chi ha sposato le dipendenze e se ne occupa da sempre. Non avevo capito in pieno cosa mi stesse dicendo, lo guardai ed annuii, lui mi fissA? e mi disse con aria paternamente simpatica: a�?Sei giovanea�?.

Ieri ho compreso in pieno il significato del a�?Noi possiamo solo stare accanto al fenomenoa�?. Ho provato rabbia dentro, ho sentito dei pugni battere contro le pareti del mio stomaco quando ho saputo che LUI oggi non ci sarebbe stato. Di fronte alla mia postazione sedeva alla sua scrivania un ragazzo di 22 anni esperto di sostanze, perchA� lui a differenza di me, le aveva provate. Si occupava di diverse cose in questo ufficio, aveva una teoria su tutto e voleva sempre la��ultima parola.

Qui, con noi, imparava un mestiere si dava la passibilitA� di portare la sua vita verso il mondo adulto. A noi insegnava tutto quello che ca��A? da sapere sulla��adolescenza, sulla��adolescenza e le sostanze e sul mondo dei giovani, perchA� lui ca��era dentro. Noi no.

Lo guardavo lavorare ed entrare con la sua aria spavalda e pensavo: sta andando bene, ce la sta facendo. Chi sa chi diventerA�! Non lo saprA? mai, nA� lo saprA� lui. PerchA� noi possiamo solo stare accanto al fenomeno, che la��altra notte lui ha sfidato. Ed ha perso.Stamani la sua scrivania A? vuota, noi siamo tutti qui. PerchA� il fenomeno non lo possiamo annientare. Ma ci stiamo accanto, lo tampiniamo e gli soffiamo sul collo.

Con rabbia e tristezza.

 

Dr.ssa Cinzia Di Cosmo

 

tags: #dipendenza #prevenzione

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA