uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Risposta alla storia di Nicola

La storia di Nicola A? in realtA� anche la storia di Alessandra.
E’ il nascere e strutturarsi di una relazione dapprima professionale poi terapeutica e per finire d’amore. Il problema iniziale di Nicola e Alessandra era che lui si faceva di tutto, e di piA?, con le classiche conseguenze psicofisiche e gli strascichi penali.A�La relazione professionale si trasforma in relazione di aiuto, di cura e poi di amore.

A� interessante il percorso di Alessandra.Alessandra all’inizio pone una grande distanza tra sA� e Nicola interrompendo la relazione professionale. La difesa giuridica di Nicola non puA? che riportarla allo stesso punto ogni volta, di reato in reato. Percepisce la tragedia di questo stato di cose e decide di tentare il recupero di Nicola, persona da amare e stimare, una vita, agli occhi di tutti gli altri, da buttare ma che Cristo aveva giudicato degna del proprio sacrificio, perchA� Nicola era, come tutti noi esseri imperfetti, ‘prezioso ai Suoi occhi’.

Alessandra ha raccolto un dramma umano e ha fatto di piA?: lo ha posto al centro di un percorso che lo avrebbe portato all’interno di una comunitA� e poi a costruire una famiglia.

I percorsi di Alessandra non sono fatti solo di intime preghiere ma di strategie di avvicinamento fisico, territoriale, dopo quello strappo professionale che segna un distanziamento.A�Il riavvicinamento si svolge non piA? all’interno della societA� di tutti, indifferenziata, ma nel dialogo tra la comunitA� religiosa di Alessandra e il mondo di Nicola. Alessandra, infaticabile, fa sopralluoghi presso il SerT e presso la casa di Nicola, insieme alle sorelle di comunitA�, infaticabili anche esse, pregando, interrogandosi e discutendone.
Alessandra tesse relazioni e struttura un’esperienza, con il ‘cemento’ della Parola Rivelata. Si muove in cerchi concentrici sempre piA? vicino a Nicola fin quasi a toccarlo con l’imposizione delle mani.

Chi scrive non vuole entrare nel merito della fede o di un possibile miracolo, chi scrive vuole sottolineare il fatto che A? stata operata una grande strategia di contenimento del problema di Nicola. Un contenimento che non sarebbe stato possibile senza Enrica, Marta e Francesca che a loro volta contenevano e accompagnavano Alessandra condividendone il percorso.

a�?L’altro A? il mio inferno” sosteneva il filosofo J.P. Sartre, qui l’altro, strutturato in una comunitA� coesa, sembra essersi trasformato in qualcosa di salvifico.A�L’io isolato, chiuso in se stesso, cade spesso vittima di ogni compulsione narcisistica ed edonistica. Nel caso di Nicola, l’altro A? la via per ritrovare un senso e una qualche autentica bellezza nella vita.
PuA? darsi che ci sia stato uno scivolamento dalla dipendenza dalle droghe alla dipendenza dalla religione, ma se quest’ultima A? vissuta e condivisa come una forma di liberazione, e si rispettano le regole del vivere civile, forse non sta a noi giudicare.

A noi resta da riflettere sulla capacitA� terapeutica della condivisione della Parola;A�o delle parole (con la ‘p’ minuscola).

I commenti sono chiusi.

 

European Drug Report 2018: Trends and Developments.

High availability of drugs across all types. Over 1 million seizures in Europe in 2016. Over 92 million adults in the EU have tried an illicit drug in their lifetime. 1.3 million people received treatment for illicit drugs. Cocaine purity at street level reached its highest level in a decade. Increase in number of cocaine seizures. Increase in cocaine residues in wastewater in 26 of 31 cities between 2015 and 2017. Rise in number of first-time admissions to specialised treatment for problems related to cocaine. Europe is an important market for drugs trafficked in from other regions. But there are worrying signs of increased drug production inside Europe. Cannabis availability and use remain high. Cannabis is involved in 77 % of drug law offences. Rapid emergence of a commercial cannabis market in parts of the Americas. Fewer new psychoactive substances reported for the first time. But there is more evidence of harm. Health harms linked to highly potent new synthetic cannabinoids and synthetic opioids prompted nine risk assessments. Synthetic cannabinoids are the most frequently seized NPS in Europe. Synthetic opioids and particularly fentanyl derivatives are increasingly detected. Fentanyl derivatives — key players in the US opioid crisis — call for concern & vigilance. NPS use and related harms are a new challenge for prison system. Prisons are a critical setting for addressing the healthcare needs of drug users. Online markets appear to be of growing importance. A recent EMCDDA–Europol study identified more than 100 darknet markets. Concerns over unlicensed benzodiazepines sold on the street and online. Increasing number of overdose deaths raises concerns. Renewed focus on the role of take-home naloxone in overdose response strategies. Read more in the European Drug Report 2018: emcdda.europa.eu/edr2018

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA