uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

LSD come se ti rubasse l’anima

Mi chiamo …… e ho 32 anni. Alcuni anni fa mi facevo di brutto con gli amici. Ho usato di tutto tranne l’eroina.
Non mi sono mai ritenuto un tossico perché consumavo solo nei week-end e con gli amici…Non mi sono mai fatto da solo…Mi sono divertito tanto.
Le serate erano sempre imprevedibili e mi sentivo bene!
Poi però, una sera di 6 anni f ad una festa ci eravamo fatti di LSD, era la mia prima volta.
La cosa nel momento mi era piaciuta ma dopo alcune ore, mentre tornavo a casa con il mio amico, in macchina, ancora strafatti ho iniziato a vaneggiare e a parlare come se volessi fare una predica al mio amico.
Il viaggio in macchina, mi ricordo, fu lungo…di almeno un ora.
In tutta quell’ora ho solo parlato io al mio amico, dicendogli che NON DOVEVA FARSI PIU’. ..CHE LA DROGA FA MALE…CHE NEGLI ANNI LUI AVEVA ESAGERATO…
Gli pregavo piangendo, di smettere; che quella vita era sbagliata, che non serviva a nulla. E se non avesse smesso avrebbe avuto un problema fisico molto grave.
Ebbi come una RIVELAZIONE…mi sentivo di dovergli dire che gli sarebbe capitato qualcosa di molto brutto.
Iniziai anche a sentirmi come se parlassi per conto di DIO.
Mi sentivo come se avessi fede e fossi stato bagnato da una spiritualità molto forte E INSISTEVO PERCHE’ PREGASSE CON ME.
Dopo due settimane il mio amico ha avuto un problema fisico molto grave….ha dovuto fare anni di cure con sintomi, dovuti alla cura, tremendi. Adesso è salvo.
Io nel frattempo sono stato in cura da una psicoterapeuta.
Ho provato esperienze di isolamento meditativo e di fede.
Adesso sto bene…non mi faccio più da quella volta, ho cambiato vita.
Non sono però, né diventato prete e ne ho tanta fede.
Ma una cosa molto importante che ho capito da tutto questo è che le droghe, se non si smette in tempo è come se ti rubassero l’anima.
Io l’anima l’ho tenuta stretta, smettendo e il mio amico anche.

 

tags: #esperienza con lsd #LSD

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA