uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Un antidiabetico attenua la��uso gratificante della cocaina

Il glucagone-like peptide-1 (GLP-1) viene rilasciato in risposta all’assunzione di cibo e agisce attraverso meccanismi, sia periferici che centrali, per regolare l’omeostasi energetica e il comportamento alimentare.

Ea�� un ormone sintetizzato dalle cellule intestinali dela��ileo e del colon; assieme alla forma GIP (Glucose-dependent insulinotropic peptide) prodotto dalle cellule K del duodeno fa parte del gruppo delle incretine, ormoni gastrointestinali. Entrambi, secreti dopo i pasti, specialmente il GLP-1, hanno la funzione di controllare la glicemia.

La��exendina-4 (Ex-4) A? un analogo del GLP-1 con una emivita significativamente piA? lunga (questa��ultimo A? degradato nel giro di 2 minuti) e maggiore potenza; A? commercializzata come exenatide (Byetta e Bydureon) per il trattamento del diabete mellito di tipo 2.

La��ipotesi della ricerca sta semplicemente nel fatto che i recettori GLP-1 sono presenti nelle regioni cerebrali che fanno parte del circuito della ricompensa; tale circuito A? quello fondamentalmente utilizzato sia dai rinforzi naturali (cibo, sesso) sia dalle droghe. Tutte le sostanze da��abuso, come la cocaina, eroina, marijuana, nicotina et al., se pure in modo differente,a�?toccanoa�? invariabilmente il sistema della ricompensa; il loro uso continuo, come A? noto, sviluppa dipendenza.

Si puA? allora dire che esiste una sovrapposizione di interesse tra la ricompensa da droghe e quella da cibo.

I ricercatori hanno quindi pretrattato gli animali con la exendina e attivando i recettori GLP-1 anche a livello centrale hanno contemporaneamente diminuito la��interesse per il cibo e la cocaina. Gli animali sembravano ricavare meno piacere dalla droga e passavano meno tempo nel posto (gabbia) dove era possibile assumere la cocaina.

“Abbiamo scoperto che questo farmaco, giA� utilizzato per la gestione medica del diabete riduce gli effetti gratificanti della cocaina negli animali. Abbiamo il sospetto che si tratta di un meccanismo generale che si tradurrA� in altre droghe d’abuso, in particolare altri stimolanti come le amfetamine e metamfetamine. ” I ricercatori avvertono ovviamente che ulteriori ricerche sono necessarie per verificare la modalitA� di dosaggio e per determinare la��ampiezza della loro eventuale utilizzazione.

Fonte. D L Graham, K Erreger, A Galli and G D Stanwood, GLP-1 analog attenuates cocaine reward, Molecular Psychiatry , (23 October 2012)

 

Dr. Giuseppe Montefrancesco

 

tags: #cocaina #exendina-4 #glucagone-like peptide-1

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA