uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:
mother di lindsay.dee.bunny

Uno studio decennale sui figli di madri tossicodipendenti

Sul Clinical Child Psycology and Psychiatry delA�15 Maggio 2013 A� comparso un articolo interessante dal titolo “I bambini di madri trattate per abuso di sostanze: uno studio con orizzonte decennale“.
L’indagine, a firma di Y-I. Hser, E. Evans, L. Li, A. Metchik-Gaddis e N. Messina, ha preso in considerazione le madri soggette al California Treatment Outcome Project (CalTOP), un grande progetto integrato di analisi di 44 trattamenti di disintossicazione e riabilitazione realizzato in 13 contee californiane dal 2000 al 2002.
All’interno del campione valutato nel CalTOP vi erano circa 4500 donne che stavano vivendo la genitorialitA� durante il trattamento, perchA� incinte o con figli minori di 18 anni.
Hser e i suoi collaboratori si sono concentrati su un campione di circa 700 madri, dedicando particolare attenzione a quelle 396 di loro che al momento dell’indagine avevano figli a carico e si sono dichiarate disponibili a darne una valutazione in merito a comportamenti relazionali ed eventuale utilizzo di sostanze d’abuso.

L’importanza dello studio A� relativa al tema dei cosiddetti fattori di rischio, ovvero quelle condizioni sistemiche o personali che predispongono verso un determinato fenomeno che si considera negativo. In questo caso il fenomeno A� rappresentato sia dall’abuso di droghe che dal comportamento “povero” (“poor behaviour” in inglese) cioA� il mix di azioni aggressive, pericolose o semplicemente inappropriate per i loro tutori.

All’interno del CalTOP, le madri erano state sottoposte a periodiche interviste di valutazione basate sull’Addiction Severity Index, dalla quale si evincevano dati descrittivi quali la sostanza d’abuso con cui avevano piA? dipendenza (44% dei casi metamfetamine) o l’etA� di prima sperimentazione (17 anni c.a.).

Hser e i collaboratori hanno sottoposto a queste 396 madri alcune domande valutative sui loro figli, riferite al Child Behaviour Checklist (CBCL).

In linea con precedenti risultati riportati in letteratura, Hser e i suoi collaboratori erano partiti con l’intenzione di verificare la correlazione diretta tra gravitA� della condizione di dipendenza da alcol o droghe della madre e aumento della probabilitA� di comportamento povero (letteralmente “piA? povero”) dei loro figli.
Lo studio ha evidenziato invece risultati difformi rispetto a tali aspettative.

Il comportamento problematico dei figli (22% dei casi) ha infatti una correlazione significativa rispetto a tre fattori di rischio legati alla madre: gravitA� del problema relazionale familiare e sociale, salute mentale materna attuale e sua salute mentale al momento dell’ammissione al trattamento.
Mentre la gravitA� della condizione di consumo di stupefacenti da parte della madre non rappresentava in alcun modo un fattore predittivo del comportamento problematico dei figli.
Inoltre la correlazione tra fattori di rischio e risultato – negativo – atteso (ovvero comportamento problematico dei figli) presenta dinamiche molto differenti quando la si osserva in relazione all’etnia delle madri. Mentre infatti il quadro definito A� corretto per i “bianchi”, a paritA� di condizioni di partenza i bambini di madri ispaniche o asiatiche presentano meno problemi.
Hser e i suoi collaboratori ipotizzano in tal senso che tale risultato derivi dal fatto che gruppi etnici differenti creano diverse forme di socializzazione familiare e sociale ed alcune di queste, in questo caso riferibili ai “bianchi”, sono meno capaci di “preservare” i figli rispetto ad altre.

Gli autori dello studio hanno naturalmente posto l’accento sui possibili limiti di questo studio. L’eccessivo ricorso alle interviste strutturate e soprattutto la presenza di un campione che, anche se solo in parte, presenta problemi psichici rende indubbiamente complesso generalizzare i risultati ottenuti. Pur tuttavia resta importante rilevare il fatto che questo studio ha posto l’attenzione su un elemento centrale del fenomeno: i fattori di rischio.

 

Dr. Francesco Sanna

 

Fonte. Hser YI, Evans E, Li L, Metchik-Gaddis A, Messina N., Children of treated substance-abusing mothers: A 10-year prospective study, CLinical Child Psychology and Psychiatry, 15 Maggio 2013.

 

tags: #addiction severity index #child behaviour checklist #fattori di rischio #madri tossicodipendenti #salute mentale madri

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA