News

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco
[ VAI a tutte le NEWS ]

L’uso di integratori alimentari negli atleti.

Gli integratori alimentari sono prodotti destinati a “migliorare” la comune dieta e rappresentano fonti concentrate di vitamine, minerali o altre sostanze ad effetto nutritivo. Con una alimentazione corretta non c’è nessuna necessità di assumerli.

Può talora accadere che la nostra dieta presenti alcune carenze tali da giustificare l’integrazione; ad esempio il contenuto di vitamina C della frutta è molto calato proprio a causa delle coltivazioni intensive e se realmente dovessero presentarsi segni di carenza ciò potrebbe giustificare l’utilizzo della sostanza. Altro problema che si pone è che spesso gli integratori alimentari contengono una grande varietà di prodotti farmacologicamente attivi che nuocciono alla salute sia per l’elevato dosaggio e sia per la loro specifica azione (amfetamine, benzodiazepine, antidepressivi, Viagra, ecc.) (rif. News www.insostanza.it del 17-11-2009).

E’ noto che nell’ambiente sportivo vi è un elevato uso di farmaci e di integratori alimentari ed una ricerca pubblicata sull’American Journal of Sports Medicine ha documentato tale circostanza in un numero di controlli antidoping pari a 3887 analisi. I controlli riguardavano atleti maschi e femmine, adolescenti, giovani e adulti. I risultati hanno mostrato: un numero integratori alimentari pari a 6523 (1.7 per atleta) e 3237 farmaci (pari 0.8 per atleta).
In particolare i farmaci più utilizzati erano gli antinfiammatori non steroidei, farmaci che aumentano la respirazione e analgesici. L’uso dei medicamenti aumentava con l’età. Gli atleti asiatici ed africani usavano significativamente meno integratori alimentari e meno farmaci rispetto agli atleti di altri continenti. I risultati sportivi non erano comunque correlati alla quantità di farmaci o integratori assunti. Infine gli atleti impegnati in discipline di potenza e di sprint utilizzavano più antinfiammatori rispetto agli atleti impegnati in gare di media e lunga distanza.
Il lavoro riporta conclusivamente che l’utilizzo di antinfiammatori negli atleti è minore di quello riportato negli sport di squadra, al contrario degli integratori alimentari.

Tscholl P et al. The use of Drugs and Nutritional Supplements in Top-Level Track and Field Athletes, Am J Sports Med, gennaio 2010 38:13-140