Che cosa è l’ecstasy (MDMA)

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco
[ VAI a tutte le DIPENDENZE ]

Che cosa è l’ecstasy?

L’ecstasy (MDMA) è il nome popolare di una sostanza illegale classificata nel gruppo delle amfetamine entattogene/empatogene perché in grado di facilitare la comunicazione con se stessi e con gli altri.
Fu registrata in Germania nel 1914 come anoressizzante ed ebbe ampio uso negli anni ‘70 tra gli psichiatri; nel 1980 la sostanza incominciò ad essere usata come “sostanza d’abuso” per i suoi effetti.
L’ecstasy è simile nella sua struttura alle amfetamine e agli allucinogeni.

Come si presenta

In compresse disegnate, di vario colore e forma. Di norma sono ingerite, oppure iniettate o sniffate e la dose è inferiore a 100mg.
Costano meno di 10 euro ciascuna.
Sono contaminate da amfetamina, metamfetamina, LSD, caffeina, efedrina, od anche da altre sostanze senza alcun effetto, come l’aspirina e il paracetamolo.
Talvolta le compresse non contengono assolutamente ecstasy.
Le pasticche di ecstasy non hanno avuto una fase di controllo precedente e il consumo può essere molto pericoloso; i dosaggi sono sconosciuti e numerosissime sono le modificazioni della molecola.

Che cosa produce ?

L’ecstasy produce uno stato di elevato benessere, euforia, pace, rilassamento, aumenta le esperienze sensoriali, induce energia, stimola il desiderio sessuale e la comunicazione con gli altri. Ciò è dovuto ad un aumento della serotonina cerebrale e in parte della dopamina. Essa viene utilizzata nelle circostanze ricreazionali, discoteche o raves, dove i consumatori possono ballare, ascoltare la musica, per un tempo lungo; l’ecstasy agisce per 4-6 ore.

Quali i rischi

L’ecstasy produce numerosi effetti collaterali (irrequietezza, sudorazione, digrignamento dei denti, dolori muscolari, mal di testa e depressione nei giorni successivi) ma soprattutto vi è il rischio di ipertermia dovuta anche all’attività fisica e all’ambiente accaldato. La disinibizione sessuale facilita gravidanze indesiderate o malattie sessualmente trasmesse o HIV. Convulsioni, insufficienza renale possono conseguire a dosi elevate. A lungo termine, anche se non ben dimostrato, può causare tossicità ai nervi contenenti serotonina e deficit cognitivo che può persistere per 6 mesi o più; tutti i sintomi appaiono risolversi entro 6 mesi – 1 anno.

Tolleranza e dipendenza

L’ecstasy sviluppa tolleranza e dalle iniziali 1-2 compresse si passa in breve tempo a più di 3 compresse e purtroppo questo, non garantisce gli effetti piacevoli anzi esagera gli effetti psicostimolanti della sostanza, gli effetti collaterali e i rischi.
Le evidenze relative allo sviluppo di dipendenza sono poche. Negli animali da esperimento i test normalmente utilizzati per verificare la potenzialità addittiva di una sostanza non consentono di osservare tale criterio giacchè usualmente gli animali non si autosomministrano l’MDMA.

LA DIPENDENZA

    NEWS

    LE STORIE

    LE DOMANDE

    I VIDEO