Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco
InSostanza NewsTutte le news

20 Agosto 2022

Sono un insegnante di matematica; quando avevo 17 anni…

Leggi la news

18 Agosto 2022

La psilocibina nella salute mentale

Leggi la news

6 Agosto 2022

La dipendenza e il libero arbitrio

Leggi la news

29 Luglio 2022

Il morfino-cocainomane 

Leggi la news

25 Luglio 2022

LSD, come se ti rubasse l’anima

Leggi la news

13 Luglio 2022

Ho 17 anni e molti vizi

Leggi la news

9 Luglio 2022

Ho usato steroidi anabolizzanti; ho smesso ma mi eccito poco.

Leggi la news

6 Luglio 2022

Perchè l’esercizio riduce peso e obesità

Leggi la news

Tra i motivi che più affliggono la nostra attuale società vi sono le conseguenze relative al consumo di sostanze legali o illegali, meglio definite scientificamente come droghe. A queste si sommano particolari comportamenti, gioco d’azzardo, sex addiction, internet addiction ed altri, connotati delle stesse caratteristiche, ovvero l’uso e la ricerca compulsive che esprimono pienamente uno stato di dipendenza patologica.
Il complessivo mondo delle dipendenze e della compulsione, della urgente necessità, dell’inderogabile soddisfacimento è questione che riguarda sia giovani che adulti. Ovunque è spesso diffusa non solo l’idea di non pericolosità di quanto “ingerito” ma oramai le sostanze intermediano le prestazioni individuali di moltissimi. Quanto riportato ha stimolato nel tempo riflessioni ampie e difficili ma ha anche fornito indicazioni su possibili modalità di intervento. Soprattutto è parso di particolare importanza il tempo che precede l’eventuale ingresso ad una piena fase di malattia cronica e recidivante ovvero il periodo individuato come di pre-strutturazione patologica. Tale periodo è di estrema fragilità, perdura per un tempo troppo lungo mentre il soggetto continua ad utilizzare sostanze; in più, egli non sa a chi rivolgersi ed ha paura di manifestare il suo problema ed è così pericolosamente privo di supporto assistenziale. Inoltre, ed infine, non abbiamo modo di raggiungerlo se non quando diviene inevitabilmente paziente.

Il sito www.insostanza.it nasce con questi semplici e concreti indirizzi: informare, raccogliere il patrimonio esperienziale del territorio su queste tematiche e soprattutto dialogare con i tanti protagonisti diretti e indiretti di questo fenomeno e di queste dipendenze.

Aiutarvi così. Senza pregiudizi. Ma con la competenza di chi opera intorno al fenomeno da tanti anni.

“Contattateci, partecipate al sito, se volete chiedeteci un incontro anche dove volete voi.”