uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Le abbuffate alimentari e possibili interventi

Tra i disturbi alimentari, oltre ai piA? noti “anoressia” e “bulimia“, esistono i cosiddetti disturbi del comportamento alimentare “non altrimenti specificati” comprendentiA� il disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder – BED).
Il BED, che sta sempre piA? assumendo le caratteristiche di un quadro clinico ben definito e autonomo, si caratterizza per la presenza di “abbuffate”, ossia l’ingestione di grandi quantitA� di cibo accompagnata dalla sensazione di perdere il controllo ma non seguita da strategie compensatorie. Queste comportamenti si possono ripetere piA? volte a settimana anche in momenti in cui l’individuo non ha percezione fisica di fame.
Di fronte alla crescente richiesta di terapie economiche ed efficaci nell’ambito della sanitA� pubblica riguardo questo ed altri disturbi alimentari, A? stato condotto uno studio che confrontava tre diversiA� tipi di trattamento per ilBED. Un totale di 259 adulti con diagnosi per disordini alimentari “con abbuffate” A? stato suddiviso casualmente in una lista d’attesa e 3 gruppi in cui testare per 20 settimane le 3 diverse modalitA� di trattamento, rispettivamente uno condotto da un terapeuta, uno assistito da un terapeuta ed uno di auto-aiuto. Alla fine del periodo di osservazione gli Autori hanno rilevato percentuali piA? elevate di astinenza da “abbuffate” nel gruppo condotto (51,7%) ed in quello assistito dal terapeuta (33,3%) rispetto a quello di auto-aiuto (17,9%) e alla lista d’attesa (10,1%). Tuttavia, nelle valutazioni di follow-up a 6 mesi e a 12 mesi non sono state osservate differenze nei tassi di astinenza. Lo studio ha comunque suggerito come, nel breve periodo, la modalitA� di auto-aiuto in alcuni casi puA? essere una valida alternativa agli interventi condotti dal terapeuta.
Tutto ciA? sottolinea come vi sia ancora molto da studiare per poter fornire trattamenti veramente efficaci per i disturbi del comportamento alimentare.

Walter Kaye MD: Eating disorders: hope despite mortal risk. Am J Psychiatry 2009; 166: 1309-1311
Peterson CB et al.: The efficacy of self-help group treatment and therapist-led group treatment for binge eating disorder. Am J Psychiatry 2009; 166:1347-1354
Fossi G, Pallanti S: Manuale di psichiatria, Casa Editrice Ambrosiana, 1994, Milano

Dott.ssa Linda Vannini, psicoterapeuta

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA