uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Stare in compagnia aumenta il piacere

fonte: NIDA Notes volume 23, nA� 1, april 2010.

Per i ratti adolescenti, le droghe sono migliori se usate in compagnia e viceversa.

Quando a giovani ratti viene data l’opportunitA� di passare del tempo in due differenti compartimenti di gabbie, gli animali preferiscono quello in cui essi sono stati, piA? volte, assieme ad altri “amici” ed assieme a questi hanno ricevuto basse dosi di nicotina o cocaina.
Diversamente non scelgono di stare in un compartimento in cui non era stato loro fornita nA� la compagnia nA� la droga.
Al contrario, gli animali non mostravano tale netta parzialitA� di scelta per un compartimento ove essi avevano ricevuto o solo la compagnia di altri simili od anche, solo, basse dosi di una droga; la ragione era che comunque avevano ricevuto una ricompensa.

La questione del “dosaggio”: i ratti avevano gravitato verso i compartimenti dove essi avevano assunto o una dose elevata di sostanza o avevano avuto piA? numerose opportunitA� sociali (si erano incontrati piA? spesso con i simili).
Dosi maggiori o maggiori frequentazioni sociali incidono con piA? forza nella scelta successiva perchA� formano un piA? solido”apprendimento conveniente”.

La dott/ssa Janet Neisewander e i suoi colleghi dell’Arizona State University dichiarano che i loro risultati dimostrano l’importanza di esaminare il benessere fornito dalle sostanze d’abuso all’interno di un contesto sociale.
I protocolli sperimentali che includevano contatti con i “simili” mimano molto meglio gli stadi iniziali dell’esperienza d’uso delle droghe che tipicamente avviene in situazioni di gruppo, di amicalitA�.

Psychopharmacology 204(3):391-402, 2009.
Kenneth J. Thiela, Alec C. Okuna, and Janet L. Neisewander,
Synergistic interaction between nicotine and social rewards in adolescent male rats.

Conclusions -These findings suggest that nicotine and social rewards interact synergistically in adolescent rats resulting in a greater, perhaps qualitatively different, reward than either reward given alone. Understanding drug-social reward interactions may provide new directions for development of preventions and interventions of adolescent smoking.

Drug and Alcohol Dependence 96,(3):202-212, 2008.
Kenneth J. Thiel, Federico Sanabria, and Janet L. Neisewander,
Social reward-conditioned place preference: a model revealing an interaction between cocaine and social context rewards, in rats.A�

Discussion – The most important and novel finding in the present study is evidence that cocaine and social rewards interact to produce CPP……
………The non-rewarding drug, dextromethorphan (30 mg/kg, IP), failed to enhance social reward-CPP, suggesting that drug-enhanced social reward-CPP is specific to rewarding drugs.
……….The findings have important implications for understanding the influence of social context on cocaine reward during adolescence.

 

A cura di Ce.S.Di.P.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA