uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:
Italian Portrait - di Roberto Giannotti

Varianti genetiche e depressione

La depressione rappresenta uno dei piA? diffusi disordini psichiatrici cui patogeneticamente sembra contribuire una combinazione di fattori di rischio ambientale e di suscettibilitA� genetica. Relativamente a questo punto, recenti studi, attraverso approcci di associazione a genome-wide, hanno rivelato che il gene SLC6A15 potrebbe rappresentarne uno dei fattori di suscettibilitA�. Questo gene, che codifica per un trasportatore neurone-specifico di amino acidi neutri sodio/cloro dipendente, potrebbe essere coinvolto nella regolazione del neurotrasmettitore glutammato, in quanto trasportatore a livello delle sinapsi di prolina e leucina (correlati alla sintesi del glutammato).
Martin A. Kohli, Elisabeth Binder e collaboratori, del Max Plank Institute of Psychiatry di Monaco (Germania) hanno comparato il genoma di 353 pazienti con il genoma di 366 soggetti di controllo, dimostrando la��associazione di polimorfismi (single-nucleotide polymorphisms – SNP) di SLC6A15 con la condizione psichiatrica e, attraverso studi di brain imaging, con modificazioni anatomo-funzionali della��ippocampo, regione del cervello dove questo gene A? espresso. I risultati sono stati successivamente confermati con uno studio che ha coinvolto oltre 15.000 individui (4.088 pazienti e 11.001 controlli).
Gli autori suggeriscono che la diminuita espressione di SLC6A15, determinata da varianti genetiche, potrebbe alterare circuiti neuronali funzionali allo sviluppo dei disturbi depressivi maggiore. Ea�� da sottolineare che anche stimoli ambientali, come lo stress cronico provocato sperimentalmente nel topo, similmente associano con una down-regolazione nella��espressione di questo gene e modificazioni morfologiche delle strutture cerebrali.
La dott.ssa Elisabeth Binder, autore senior dello studio e leader del gruppo di ricerca, afferma che “PoichA� SLC6A15 sembra essere un buon bersaglio per i farmaci, aggredibile e modificabile da piccole molecole, i nostri risultati possono essere di stimolo allo sviluppo di una nuova classe di farmaci antidepressivi.

Fonte.
Kohli M. A., et al. The Neuronal Transporter Gene SLC6A15 confers Risk to Major Depression. Neuron 70 (2), 252-265, 2011

 

Alfredo Orrico

 

tags: #depressione #gene SLC6A15

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA