uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Buone notizie per il trattamento dei cocainomani

Riporto e commento brevemente una notizia apparsa su Neuron, importantissima rivista scientifica e relativa ad uno studio sulla cocaina, per come A? stata riportata dai giornali scientifico-divulgativi. I risultati del lavoro sono indubbiamente interessanti perchA� alla fine a�?toccanoa�? il comportamento della��individuo ma non impediscono la��azione della cocaina. In veritA� poi, se cosA� sono i risultati, la notizia A? buona ed interesserebbe tutte le droghe, tutte interessate da questa drammatica conseguenza, spiegata in basso (ndr).

Gli effetti che la cocaina determina sul comportamento sono di tipo stimolante e derivano dalla sua capacitA� di potenziare la segnalazione sinaptica da parte della dopamina e la serotonina – delle quali blocca il reuptake – sui neuroni postsinaptici; ciA? porta, nel tempo, ad alterazioni trascrizionali in queste cellule iperstimolate da una concentrazione elevata, non naturale dei due neurotrasmettitori.

Per alterazioni trascrizionali, gli autori vogliono dire a�?semplicementea�? che viene modificato la��indirizzo del DNA ovvero della sintesi proteica. In sostanza la cellula opera in altro modo e per altri obiettivi. I sistemi che vengono coinvolti sono fondamentali per lo stato di benessere, la memoria, la��apprendimento, le scelte, le motivazioni e il controllo del comportamento. Praticamente coinvolgono tutto la��individuo. Ovviamente questo farmaco non impedirebbe la��uso di cocaina perchA� non incide nA� sul suo meccanismo da��azione nA� sugli effetti ricercati. Potrebbe divenire parte della��armamentario terapeutico perchA? in grado di limitare o impedire una delle conseguenze fondamentali che conseguono alla��uso di cocaina (come nella��uso prolungato di altre droghe): una sorta di a�?mutazionea�? del complessivo comportamento della��individuo ossessivamente orientato alla��uso della droga/droghe. Forse poi nel tempo, non avvenendo ciA?, forse, la��individuo non strutturando la sua patologia potrebbe avere piA? probabilitA� di affrontare la sua patologia.(ndr)

Gli autori riportano che le azioni trascrizionali della cocaina e conseguentemente le modificazioni dei comportamenti dovuti alla��assunzione della droga, sono mediate dal monossido da��azoto (NO) e dalla gliceraldeide-3-fosfato deidrogenasi (GAPDH). Se le dosi di cocaina sono basse gli effetti stimolanti interessano il comportamento mentre dosi elevate, sono neurotossiche perchA� stimolano stimolano il sistema citotossico p53.
Il CGP3466B A? un farmaco, che A? apparso potentemente e selettivamente in grado di bloccare la via di segnalazione che coinvolge gli elementi prima detti (NO e GAPDH), e in tal modo impedisce gli effetti comportamentali di cocaina fornendo una strategia nei disturbi da assunzione di tale sostanza.
Secondo il capo della ricerca questo composto oltre a chiarire ulteriormente la��azione e gli effetti della cocaina potrebbe diventare il primo farmaco specificatamente indirizzato al trattamento dei cocainomani.
Speriamo ! Questo sono le promesse della scienza sperimentale.

Nel frattempo, clinicamente, considerato che la dipendenza da cocaina A? un grave problema di salute negli Stati Uniti, con una prevalenza stimata pari a circa l’1,1% e che tentativi di trattamento sia da un punto di vista psicosociale che farmacologico non sono stati molto promettenti, alla Columbia University hanno cercato di fare uno studio A�clinico che associa due farmaci, un mix, a rilascio prolungato, di sali di amfetamina e topiramato (anticonvulsivante utilizzato anche nel trattamento dell’alcolismo).

La prova clinica si A? conclusa su 81 pazienti che hanno acconsentito allo studio, protratto per 14 settimane. I pazienti avevano iniziato con 10 mg di sale di amfetamina e 25 mg di topiramato al giorno. Entrambi i farmaci sono stati aumentati lentamente nel corso dello studio. La dose massima del preparato anfetamine A? stata di 60 mg dopo 2 settimane e la dose massima di topiramato di 150 mg due volte al giorno dopo 6 settimane.
Gli autori hanno concluso dai loro risultati che si tratta di un approccio che dovrebbe essere studiato ulteriormente.Chiaramente, una delle limitazioni A? che con questo tipo di processo, non si riescono a distinguere se il trattamento di combinazione A? piA? efficace dei singoli trattamenti (sic!).

dott. giuseppe montefrancesco

Fonti bibliografiche

Risheng Xu et al., Behavioral Effects of Cocaine Mediated by Nitric Oxide-GAPDH Transcriptional Signaling, Neuron, 2013, vol. 78, Issue 4, Pages 623-630

Wolfgang Fleischhacker, from the Department of Psychiatry and Psychotherapy at the Medical University of Innsbruck, for Medscape.

 

tags: #CGP3466B #cocaina #indirizzo DNA #sali di amfetamina #segnalazione sinaptica #topiramato

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA