uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

COMPORTAMENTO e cannabis. Adolescenti

Negli adolescenti, secondo precedenti ricerche, l’uso della cannabis poteva essere responsabile di problemi comportamentali ed era inoltre stimolo a cercare amicizie tra coetanei che fumavano cannabis.
In sostanza la responsabilità era dell’azione della cannabis.
Attualmente negli Stati Uniti sono più numerosi i giovani che fumano marijuana di quelli che fumano tabacco e questa appare una tendenza presente in tutto il mondo; le problematiche connesse al suo utilizzo sono quindi di vasto interesse. L’aumento della legalizzazione, ci sarà un maggiore accesso alla cannabis e quindi una maggiore probabilità per i giovani di sviluppare disordini comportamentali o altro e quindi appare importante districare, comprendere eventuali relazioni causali con l’uso di cannabis. Tuttavia, proprio come con l’alcol, che è legale per gli adulti, la ricerca condotta nell’ambito di questo progetto suggerisce che meno di un quarto degli utenti giovanili svilupperebbe un lieve disturbo da uso di cannabis.

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Addiction, mostra infatti che l’uso di cannabis tra gli adolescenti non sembra portare a maggiori problemi di condotta o a più frequenti e riccercati contatti con altri adolescenti che fumano cannabis.
“L’uso di cannabis in sé e per sé non sembra portare a problemi di condotta o attrazione crescente per i coetanei che usano la cannabis”, ha affermato il coautore Dan Romer, direttore della ricerca .
Sono gli adolescenti con preesistenti problemi di condotta o i cui amici usano la cannabis che hanno maggiori probabilità di gravitare verso l’uso di questa.
Secondo la ricerca, la presenza di questa “catena di eventi o causalità o circostanze” sembra predire successivi disagi dall’uso di cannabis nel momento in cui i ragazzi diventano giovani adulti.

Ivy N. Defoe, Atika Khurana, Laura M. Betancourt, Hallam Hurt, Daniel Romer. Disentangling longitudinal relations between youth cannabis use, peer cannabis use, and conduct problems: developmental cascading links to cannabis use disorder. Addiction, 2018; DOI: 10.1111/add.14456.

Conclusions
Cannabis use in adolescence does not appear to lead to greater conduct problems or association with cannabis‐using peers apart from pre‐existing conduct problems.
Instead, adolescents who:
(1) increasingly affiliate with cannabis‐using peers or
(2) have increasing levels of conduct problems are more likely to use cannabis, and this cascading chain of events appears to predict cannabis use disorder in emerging adulthood.

Montefrancesco

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

European Drug Report 2018: Trends and Developments.

High availability of drugs across all types. Over 1 million seizures in Europe in 2016. Over 92 million adults in the EU have tried an illicit drug in their lifetime. 1.3 million people received treatment for illicit drugs. Cocaine purity at street level reached its highest level in a decade. Increase in number of cocaine seizures. Increase in cocaine residues in wastewater in 26 of 31 cities between 2015 and 2017. Rise in number of first-time admissions to specialised treatment for problems related to cocaine. Europe is an important market for drugs trafficked in from other regions. But there are worrying signs of increased drug production inside Europe. Cannabis availability and use remain high. Cannabis is involved in 77 % of drug law offences. Rapid emergence of a commercial cannabis market in parts of the Americas. Fewer new psychoactive substances reported for the first time. But there is more evidence of harm. Health harms linked to highly potent new synthetic cannabinoids and synthetic opioids prompted nine risk assessments. Synthetic cannabinoids are the most frequently seized NPS in Europe. Synthetic opioids and particularly fentanyl derivatives are increasingly detected. Fentanyl derivatives — key players in the US opioid crisis — call for concern & vigilance. NPS use and related harms are a new challenge for prison system. Prisons are a critical setting for addressing the healthcare needs of drug users. Online markets appear to be of growing importance. A recent EMCDDA–Europol study identified more than 100 darknet markets. Concerns over unlicensed benzodiazepines sold on the street and online. Increasing number of overdose deaths raises concerns. Renewed focus on the role of take-home naloxone in overdose response strategies. Read more in the European Drug Report 2018: emcdda.europa.eu/edr2018

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA