News

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

La dipendenza da alcol e polimorfismi del complesso interleuchina 1

In un recente studio (Saiz PA et al. 2009), autori spagnoli sottolineano l’evidenza crescente che un profilo pro-infiammatorio delle citochine sia importante nella dipendenza da alcol. In particolare, polimorfismi del gene che codifica per l’interleuchina-1 (IL-1) ed il tumor necrosis factor-alpha (TNF) risultano associate con la dipendenza, la rilevanza di questa e la probabilità di trarre beneficio dalle terapie.

Il rapporto tra dipendenza e polimorfismi, in questo caso, sembra correlare con la presenza di particolari “combinazioni” di dati genetici (aplotipo): soprattutto l’associazione tra il polimorfismo IL-1alfa -889C/T e il genotipo IL-1RA (86bp)n A1/A1, risulta particolarmente presente in soggetti alcolisti (rispetto alla popolazione di controllo). Il meccanismo biochimico di suscettibilità potrebbe risiedere nell’equilibrio differente che le varianti genetiche danno ad un sistema (quello dato dall’interleuchina-1 e dal suo antagonista sul recettore, IL-1RA) notoriamente capace di modulare l’attività monoaminergica in aree del cervello coinvolte nella dipendenza da alcol e negli effetti di rinforzo positivo che si associano all’uso di questo (MohanKumar et al, 1998). Questo studio é stato condotto su un campione di popolazione spagnola caucasica e necessita di studi su altre popolazioni per verificare differenze e/o conferme.

Saiz PA, Garcia-Portilla MP, Florez G, Corcoran P, Arango C, Morales B, Leza JC, Alvarez S, Diaz EM, Alvarez V, Coto E, Nogueiras L, Bobes J.. Polymorphisms of the IL-1 Gene Complex Are Associated With Alcohol Dependence in Spanish Caucasians: Data From an Association Study. Alcohol Clin Exp Res. 2009 Sep 17. [Epub ahead of print].

MohanKumar SM, MohanKumar PS, Quadri SK. Specificity of interleukin-1beta-induced changes in monoamine concentrations in hypothalamic nuclei: blockade by interleukin-1 receptor antagonist. Brain Res Bull. 1998 Sep 1;47(1):29-34.

Dott. Alfredo Orrico, genetista