uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Tandospirone e i danni cerebrali dell’alcol.

I ricercatori del Queensland University of Technology (QUT) hanno scoperto un farmaco che potrebbe potenzialmente aiutare il nostro cervello ad invertire gli effetti dannosi dovuti all’assunzione pesante di alcol che specificatamente danneggia i neuroni ed inibisce la rigenerazione e la crescita di nuove cellule cerebrali.

Si tratta del tandospirone, farmaco A? relativamente nuovo, disponibile solo in Cina e Giappone dove viene comunemente usato, dimostrando notevole efficacia nel trattamento dell’ansia generalizzata ed una ottima tolleranza con pochi effetti collaterali. (in basso i nomi dei farmaci in uso in questi Paesi).
Gli studi condotti su topi adulti hanno mostrano che due settimane di trattamento giornaliero con il tandospirone hanno invertito gli effetti di 15 settimane di un forte consumo di alcol (tipo binge) sulla neurogenesi ovvero la capacità del cervello di crescere e sostituire i neuroni (cellule cerebrali).
I ricercatori hanno inoltre osservato è considerata anche la primaria azione ansiolitica e antidepressiva – che, nei topi, il tandospirone è efficace nell’arrestare i comportamenti ansiosi associati alla sospensione dell’alcol e nel determinare una significativa riduzione dell’assunzione di alcol in forma di binge. ( binge è un termine utilizzato originariamente nell’uso di cocaina, poi esteso ad altre sostanze come alcol e cibo quando vengono assunte in modo eccessivo e in brevissimo tempo. Il binge drinking ovvero le “abbuffate alcoliche” causano una ubriacatura immediata nonché la perdita di controllo totale. Viene usato per indicare l’assunzione di almeno cinque superalcolici in una sola volta. Esso riguarda prevalentemente gli adolescenti e i giovani-adulti).

Il tandospirone agisce selettivamente, come agonista parziale, su un recettore della serotonina (il 5-HT1A); esso fa parte della classe degli azapironi, come il buspirone e il gepirone, e, rispetto a questi, la sua selettività sui recettori dopaminergici, adrenergici e serotoninergici è molto maggiore, nell’ordine di 2-3 volte
Precedenti studi avevano già indicato che i recettori 5-HT1A ( il sistema serotoninergico) svolgono un ruolo fondamentale nel comportamento alcolico ovvero nei disturbi emotivi e neurogenetici associati; questi nuovi risultati riconfermano che gli agonisti parziali 5-HT1A, e in particolare il tandospirone, rappresentano una strategia di trattamento promettente per gli effetti conseguenti all’abuso di alcol.

montefrancesco

Fonte
Arnauld Belmer et al., 5-HT1A receptor-dependent modulation of emotional and neurogenic deficits elicited by prolonged consumption of alcohol. Scientific Reports, 2018; 8 (1) DOI: 10.1038/s41598-018-20504-z

Marchi utilizzati in Cina e Giappone per il tandospirone
Lukang, Credit Pharma, China, Lv Kang, Kerui Pharmaceutical, China, Sediel, Dainippon Sumitomo Pharma, Japan; Sumitomo, China; Yuhan, South Korea,Tandospirone Citrate Amel, Kyowa Yakuhin, Japan,Tandospirone Citrate, Nichi-iko Nichi-Iko Pharmaceutical, Japan,Tandospirone Citrate Sawai, Sawai Seiyaku, Japan,Tandospirone Citrate Towa,Towa Yakuhin, Japan.

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA