News

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Un consumo moderato di alcol protegge gli anziani dalla demenza

Una ricerca condotta in Germania su individui, di età pari a 75 anni e più, il cui obiettivo era di indagare in modo prospettico la relazione tra l’attuale consumo di alcol (quantità e tipo di alcol) e l’incidenza complessiva di demenza senile e la demenza per malattia di Alzheimer ha prodotto le seguenti conclusioni: “il nostro studio suggerisce che il consumo di alcol da lieve a moderato è inversamente correlato alla incidenza di demenza, anche tra gli individui di 75 anni di età” Gli anziani, che frequentavano medici di base, sono stati monitorati da 1,5 anni e 3 anni; 3.202 soggetti, privi di segni di deterioramento mentale, sono stati studiati per mezzo di interviste cliniche strutturate tra cui vi era una accurata e dettagliata valutazione del consumo di alcol in corso ed eventuale diagnosi di demenza secondo il DSM- IV. Il consumo di alcol è stato misurato in grammi di etanolo considerando anche il tipo di bevanda assunta, vino, birra, o bevande alcoliche miste.

Per calcolare la quantità di grammi di alcol assunto si applica la formula: ml di bevanda alcolica X grado alcolico X 0.80 diviso 100 = grammi di alcol.

Esempio 1 bicchiere di vino, 125 ml, di 12° (o al 12% di alcol), x 0.80/100, contiene 12 grammi di alcol 1 lattina di birra, 330 ml, di 4° (o al 4% di alcol), contiene 11 grammi di alcol 1 lattina di birra, 330 ml, di 4° (o al 4% di alcol), contiene 11 grammi di alcol 1 bicchiere di superalcolico, 40 ml, di 40° (o al 40% di alcol), contiene 13 grammi di alcol. A scopo pratico, l’ssunzione di etanolo viene espressa in unità equivalenti a 12 grammi di alcol: 1 unità = 12 gr di alcol. Quindi: 1 bicchiere di vino, pari a 125 ml, di 12° (o al 12% di alcol), contiene 12 grammi di alcol = 1 unità. Nel totale del campione esaminato:

  • il 50% era astemio
  • circa il 25% consumava meno di 10 gr/die di alcol, equivalenti a meno di un bicchiere di vino al giorno
  • circa il 13% consumava tra 10 e 19 gr/die di alcol, equivalenti a 1 e 2 bicchieri di vino al giorno
  • circa il 12% consumava piA? di 20 gr /die, equivalenti a più di 2 bicchieri di vino al giorno.

Dei 3.202 partecipanti, nel corso di un follow-up medio di 3 anni, l’incidenza totale demenza si A? sviluppata in 217 (pari al 6,8% del campione) e tra questi 111 sono stati colpiti da demenza tipo Alzheimer.

Rispetto agli astemi, i consumatori hanno presentato circa il 30% di probabilità in meno di sviluppare un processo di decadimento intellettivo.

Una associazione statisticamente significativa nella possibilità di presentare demenza, al contrario, riguardava i soggetti che assumevano più di 20 gr di alcol al giorno. Tutto ciò non fa che riconfermare quanto era già noto; l’alcol, assunto in maniera lieve/moderata, in generale in quantità non superiori a 2 unità die, salvo la presenza di”patologie che escludono anche tali quantità” offre dei benefici, in termini cardiovascolari e non ultimi una minore incidenza di sviluppo di deterioramento della funzione cognitiva. Va in ogni caso aggiunto che all’azione dell’alcol partecipano positivamente molte altre variabili:

  • lo stato di benessere psicofisico, compresa la mancanza di depressione,
  • una buona dieta,
  • un livello di socialità che escluda la solitudine,
  • un elevato livello di istruzione,
  • la costanza di esercizio fisico e mentale.

Fonte: Siegfried Weyerer et al., Current alcohol consumption and its relationship to incident dementia: results from a 3-year follow-up study among primary care attenders aged 75 years and older, Age Ageing (2011) doi: 10.1093/ageing/afr007, First published online: March 2