uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in: InSostanza > InFormati > Alcol

Alcol

Alias: nettare di dio

COS’È L’ALCOL

L’alcol, assieme alla nicotina, è la droga legale più largamente utilizzata nel mondo e il suo abuso determina gravi danni alla salute dell’individuo e alla società.Esso è una piccola molecola, idrosolubile, costituita da

2 atomi di carbonio; CH3-CH2OH, è la sua formula di struttura.

L’etanolo si forma per trasformazione (fermentazione) di alcuni zuccheri ed amidi presenti nell’uva o in altri frutti o nei cereali, ad opera di microrganismi, lieviti.

L’abuso cronico di alcol porta all’alcolismo, a severi danni epatici e cardiaci e ad un aumentato rischio di cancro. Se un suo uso moderato, entro i 3 bicchieri al giorno appare avere un qualche effetto positivo sulla funzione cardiaca, questi stessi benefici vengono rapidissimamente perduti appena si supera tale limite; ad un piccolo aumento della dose si ottiene un elevato effetto negativo.

Dato ciò e soprattutto data la elevata possibilità che l’uso possa trasformarsi in abuso e successivamente in dipendenza (alcolismo), si raccomanda di bere con giudizio.

 L’alcolismo, o dipendenza da alcol, è una malattia caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Desiderio irresistibile; necessità o urgenza assoluta di assumere alcol
  • Perdita di controllo; incapacità a smettere una volta che si è iniziato a bere
  • Dipendenza fisica; presenza dei sintomi astinenziali (nausea, sudorazione,ansia, tremori) quando si smette di bere
  • Tolleranza; la necessità di bere quantità sempre maggiori per stare bene.

Tali sintomi sono propri di tutte le droghe quando determinano uno stato di tossicodipendenza

L’alcol etilico è una sostanza ad azione inibente ed ha numerosissimi effetti sull’organismo umano. La reazione all’alcol dipende da vari fattori, compresa la personalità dell’individuo, la sua tolleranza alla quantità di alcol ingerito, l’ambiente ed anche le sue aspettative.

Quando si eccede nell’assunzione di alcol i primi segni di intossicazione acuta sono la nausea e il vomito ed il tipico mal di testa, assieme ad una complessiva sensazione di malessere del giorno dopo. Per i bevitori cronici che hanno sviluppato notevole tolleranza verso gli effetti riportati, sono necessarie dosi molto più elevate per ottenere tali effetti, sino a concentrazioni (300-400 mg/dl o 3-4 grammi /litro) che al contrario possono indurre coma in un individuo non tollerante.

L’assunzione cronica di alcol (il cronico abuso di alcol) come è noto porta alla tolleranza e alla dipendenza (alcolismo) sia fisica che psicologica.

La tolleranza costringe ad assumere alcol più frequentemente e a dosi sempre maggiori; la dipendenza fisica mostrerà i suoi effetti principalmente in caso di cessazione dell’assunzione palesando i segni dell’astinenza sino alle convulsioni. L’alcol, come tutte le droghe, aumenta la disponibilità di dopamina nel circuito della gratificazione e questo è fondamentale nello sviluppo dell’alcolismo.

L’alcolismo può avere tratti familiari ma sono le tue amicizie, la quantità di stress nella tua vita, il tuo stile di vita e come tu utilizzi l’alcol i fattori che possono realmente incrementare il rischio di questa malattia.

L’alcol agisce sulle donne in modo diverso che nell’uomo. Le donne hanno più problemi dell’uomo dopo aver bevuto la stessa quantità di alcol anche quando siano state prese in considerazione le differenze nel peso corporeo. Il motivo è che il corpo femminile ha meno acqua rispetto al corpo maschile e poiché l’alcol si mescola con i liquidi corporei una data quantità di alcol diventa più fortemente concentrata nel corpo femminile che non in quello maschile; in altri termini sarebbe come mettere la stessa quantità di alcol in un contenitore di acqua molto più piccolo. Questo è il motivo per cui il limite suggerito per le donne è più basso di quello dell’uomo.In più  l’abuso cronico di alcol ha una rilevanza fisica più pesante sulla donna rispetto all’uomo. La dipendenza alcolica e i problemi medici ad essa relativi quali il danno cerebrale, cardiaco ed epatico, progrediscono più velocemente nella donna che non nell’uomo.

L’abuso di alcol può essere dannoso di per se. Una persona può fare abuso di alcol senza essere un alcolista, cioè può bere troppo e troppo spesso ma non essere ancora alcol-dipendente.

Alcuni dei problemi legati all’abuso di alcol comprendono il non essere capaci di assumersi responsabilità lavorative, scolastiche o familiari; l’essere arrestati per guida in stato di ebbrezza e per incidenti stradali o avere conseguenze mediche legate al bere. In alcune circostanze anche l’uso conviviale e moderato del bere può essere pericoloso per esempio quando in tali condizioni si guida o durante la gravidanza o se si beve dopo aver fatto uso di alcuni farmaci.

 

GLI EFFETTI DELL’ALCOL

 

LEGGE

E’ una droga legale.

La Legge Italiana non considera reato il consumo di alcol, salvo che l’individuo non debba guidare (D.L. 30 aprile 1992, n° 285, Art.186)e per tale ragione vengono effettuati accertamenti dello stato di ebbrezza attraverso l’etilometro.

 

VORREI APPROFONDIRE

Di seguito riportiamo alcune pubblicazioni liberamente scaricabili importanti per comprendere meglio l’argomento Alcol.

 

Alcol

Una scheda breve per acquisire le principali informazioni sulla sostanza

Overdose

Approfondimento realizzato dal Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche (Università degli Studi di Siena), 2011

Scienza della Dipendenza

Traduzione del testo "Drugs, Brains and Behaviour. The Science of Addiction" presente sul sito del N.I.D.A. www.drugabuse.gov

Genetica e tossicodipendenza

Articolo a cura del Dott. Alfredo Orrico, Genetista.

Dipendenza patologica e funzioni cognitive

Traduzione di Addiction and Cognition, Addiction Scienze and Clinical Practice, NIDA, 4 dicembre 2010

Esami Tossicologici

Descrizione degli Esami Laboratoristici per il rilievo delle sostanze d'abuso

Farmacocinetica e droghe

Saggio a cura del Dott. Renato Urso, 2010

Lascia una risposta

*
 

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA