uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

La��infedeltA� ha il suo gene

Gli studi dimostrano la��esistenza di un gene correlato alla��infedeltA�.

In una ricerca del 2008, condotta da Walum e colleghi, A? stato esaminato la��assetto genetico di 552 coppie sposate o conviventi da almeno 5 anni. Dai risultati A? emerso come, parallelamente ad un punteggio significativamente basso nella scala Partner Bonding Scale, volta ad esaminare i legami affiliativi alla��interno della coppia, la presenza di un allele in una specifica regione della vasopressina, era collegato ad un forte numero di crisi coniugali alla��interno delle coppie.

Gli uomini con due copie del gene che codifica per la vasopressina, hanno mostrato circa il doppio di probabilitA� di aver avuto una crisi matrimoniale.

La presenza del gene a�?portatore della��infedeltA�a�? A? correlato positivamente anche con punteggi di alcuni test che sono stati somministrati ai partecipanti per indagare la soddisfazione coniugale. Una maggiore insoddisfazione era legata alla presenza della��allele nel neuropeptide vasopressina.

Gli studiosi hanno piA? volte avanzato teorie in grado di comprendere la��evoluzione della��adulterio negli esseri umani.

La biologa e antropologa Fisher, occupandosi ormai da molti anni del fenomeno, afferma come durante la preistoria i maschi infedeli si riproducessero piA? frequentemente dei loro coetanei fedeli, ponendo in tal modo le basi di una maggiore a�?variabilitA� geneticaa�? nei discendenti.

Dal canto loro, le donne primitive infedeli riuscivano a fruire di maggiori risorse economiche attraverso i molteplici partner, i quali assicuravano alla prole una garanzia maggiore, nel caso di morte o di malattia di uno dei genitori.
La��infedeltA� ha offerto pertanto ricompense biologiche importanti sia ad uomini che donne, finA� dalla preistoria, perpetuando fino ad oggi le basi biologiche del tradimento in ambo i sessi.

Alla��interno del suo pensiero la Fisher, parla altresA� di a�?esclusivitA� sessualea�?, dettata dal desiderio di possesso. La fedeltA� in questo senso era utile nella��evitare alla��uomo di essere tradito, di allevare il figlio di un altro ed al contempo proteggeva la donna da una��eventuale rivale che poteva portarle via il compagno e padre dei suoi figli.

Entrambe queste convenienze: la fedeltA� e la��infedeltA�, originate da motivazioni diverse ed apparentemente contraddittorie, sembrano cozzare nella��odierna attualitA� con la morale; la quale presuppone come fine ultimo il controllo del comportamento sessuale, in particolar modo quello femminilea��.

La fluiditA� della sessualitA� femminile, sempre piA? libera e svincolata dal piacere maschile, viene cosA� frenata dalla��era della pudicitA�, della moralitA�.

Ogni era ha la sua legge biologica.

Entrambe convenienze di origini diverse intervenendo la morale che ha come finalitA� il controllo del comportamento sessuale.

Allele: in genetica si definiscono alleli i geni che si riferiscono al medesimo carattere distintivo e che sono localizzati nel medesimo posto nei cromosomi.

A�

Bibliografia

Walum et al. Genetic variation in the vasopressin receptor 1a gene (AVPR1A) associates with pair-bonding behavior in humans. Neuroscience, 105, 16, 2008.

 

tags: #tradimento #tradimento e genetica

I commenti sono chiusi.

 

European Drug Report 2018: Trends and Developments.

High availability of drugs across all types. Over 1 million seizures in Europe in 2016. Over 92 million adults in the EU have tried an illicit drug in their lifetime. 1.3 million people received treatment for illicit drugs. Cocaine purity at street level reached its highest level in a decade. Increase in number of cocaine seizures. Increase in cocaine residues in wastewater in 26 of 31 cities between 2015 and 2017. Rise in number of first-time admissions to specialised treatment for problems related to cocaine. Europe is an important market for drugs trafficked in from other regions. But there are worrying signs of increased drug production inside Europe. Cannabis availability and use remain high. Cannabis is involved in 77 % of drug law offences. Rapid emergence of a commercial cannabis market in parts of the Americas. Fewer new psychoactive substances reported for the first time. But there is more evidence of harm. Health harms linked to highly potent new synthetic cannabinoids and synthetic opioids prompted nine risk assessments. Synthetic cannabinoids are the most frequently seized NPS in Europe. Synthetic opioids and particularly fentanyl derivatives are increasingly detected. Fentanyl derivatives — key players in the US opioid crisis — call for concern & vigilance. NPS use and related harms are a new challenge for prison system. Prisons are a critical setting for addressing the healthcare needs of drug users. Online markets appear to be of growing importance. A recent EMCDDA–Europol study identified more than 100 darknet markets. Concerns over unlicensed benzodiazepines sold on the street and online. Increasing number of overdose deaths raises concerns. Renewed focus on the role of take-home naloxone in overdose response strategies. Read more in the European Drug Report 2018: emcdda.europa.eu/edr2018

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA