uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in:

Marijuana e rischio ipertensivo

Secondo uno studioA� del Journal of Preventive Cardiology, l’uso di marijuana si associa ad un elevato rischio di morte per ipertensione, di 3 volte superiore ai non utilizzatori.
Addirittura, gli autori dichiarano che il rischio cardiovascolare associato all’uso di marijuana puA? essere maggiore di quello giA� stabilito per il fumo di sigaretta.
In ogni caso gli stessi hanno dichiarato cheA� nello studio vi erano limitazioni per come veniva stimato l’utilizzo di marijuana; per es., per alcuni partecipanti non era certo che questi avessero realmente continuato ad usare marijuana dopo la loro prima volta.

Considerando che i cannabinoidi possono essere depenalizzati e il loro uso, sia a fini medici che ricreativi puA? notevolmente aumentare, in realtA� gli studi circa l’impatto sulla mortalitA� per complicanze cardiovascolari o cerebrovascolari sono in numero limitato, se pure presenti.
Questo non A? sorprendente dal momento che la marijuana puA? avere una serie di effetti sul sistema cardiovascolare; essa stimola il sistema nervoso simpatico e questo porta ad un aumento della frequenza cardiaca, della pressione del sangue e della richiesta di ossigeno . In interventi di emergenza sono stati segnalati casi di angina e attacchi di cuore dopo l’uso della marijuana. ”

Lo studio A? stato avviato nel 2005-6 in individui di etA� superiore a 20 anni che avevano risposto positivamente all’uso di marijuana; era stato poi calcolato la durata del tempo di utilizzo.
Nel campione utilizzato il tempo medio di uso di marijuana A? risultato pari a 11,5 anni.
I ricercatori hanno stimato le associazioni tra uso di marijuana e durata di utilizzo con la morte per ipertensione, malattie cardiache e cerebrovascolari, l’uso di sigarette e variabili demografiche compreso il sesso, l’etA� ed etnia.

Il campione comprendeva anche altri individui: in un totale di 1 213 partecipanti,
il 34% non aveva utilizzato nA� marijuana nA� sigarette,
il 21% utilizzato solo marijuana,
il 20% marijuana e sigarette,
il 16% aveva usato marijuana ed era un ex-fumatore,
il 5% era ex fumatore e il 4% fumava solo sigarette.
La durata media dell’uso di marijuana era risultata di 11,5 anni.
Le informazioni sull’uso della marijuana sono poi state integrate, nel 2011, con i dati di mortalitA� provenienti dal National Center for Health Statistic.

16% used marijuana and were past-smokers, 5% were past-smokers and 4% only smoked cigarettes. The

Secondo i risultati, i consumatori di marijuana avevano un piA? alto rischio di morte da ipertensione.
Rispetto ai non utilizzatori, tale maggiore rischio eraA�pari a 3, 42 volte e per ogni anno di utilizzo, un maggior rischio pari a 1,04 volte

Barbara A Yankey, Richard Rothenberg, Sheryl Strasser, Kim Ramsey-White, Ike S Okosun. Effect of marijuana use on cardiovascular and cerebrovascular mortality: A study using the National Health and Nutrition Examination Survey linked mortality file. European Journal of Preventive Cardiology, 2017.

g. montefrancesco

 

tags: #cannabinoidi #cannabis #cannabis e ipertensione #marijuana #morte e marijuana #rischio ipertensivo

Due parole sull'autore

Giuseppe Montefrancesco

Dal 2004 è Direttore Scientifico del “Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche” (Ce.S.Di.P.) presso il Dipartimento di Farmacologia “G. Segre”. Dal 2011 è Responsabile della Unità Operativa “Prevenzione Dipendenze Patologiche” della Azienda USL 7 di Siena.

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA