Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.insostanza.it/home/wp-content/themes/insostanza2020/functions.php on line 35

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Gambling, ipersessualità e Parkinson

05 Dic 2016

I farmaci comunemente prescritti nel trattamento della malattia di Parkinson possono determinare, in alcuni pazienti, disturbi del controllo degli impulsi. Si possono allora esprimere comportamenti compulsivi quali: il gioco d’azzardo patologico, shopping compulsivo, ipersessualità, bulimia. Queste “azioni collaterali” talvolta divengono così potenti da determinare disastrose conseguenze sulla qualità di vita dei pazienti e dei loro […]

Leggi

Il gioco d’azzardo patologico

06 Dic 2014

Con la nuova edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, giunto alla sua quinta edizione, DSM-5, il gioco d’azzardo patologico (GAP) si avvicina agli altri tipi di dipendenza da sostanze. Il GAP abbandona così la vecchia classe diagnostica – Disturbo da Controllo degli Impulsi – per essere ricollocato all’interno dei disturbi legati alle […]

Leggi

Gioco d’azzardo e dopamina.

26 Feb 2014

Un recente lavoro ha mostrato che, in risposta all’assunzione di dopamina (DA) sopravviene una maggiore velocità di apprendimento e conseguentemente un’aumentata probabilità di vincita al gioco d’azzardo. In un’altra ricerca veniva osservato che, in un semplice gioco di scommesse, i partecipanti inventano strategie vincenti a un ritmo più rapido se a loro veniva somministrata dopamina […]

Leggi

Metamfetamine e rischio di malattia di Parkinson

16 Nov 2013

Le metamfetamine sono droghe che appartengono al gruppo degli stimolanti/eccitanti assieme alle amfetamine, alla efedrina, alla cocaina, al caffè, al Khat e alle centinaia di sostanze che si possono sintetizzare con estrema facilita. Le metamfetamine si presentano come: cristalli, dette in questa forma anche ice, di varia grandezza, che vengono fumati, ingeriti o iniettati; polveri, sono […]

Leggi

La Toscana contro le dipendenze da gioco (ludopatia)

16 Ott 2013

E’ di pochi giorni fa, l’approvazione da parte del Consiglio Regionale Toscano della legge finalizzata a combattere la dipendenza da gioco. Dal 2011, la Corte Costituzionale ha, infatti, riconosciuto alle Regioni la facoltà di legiferare in materia di regolamentazione delle sale da gioco, con il fine di tutelare le persone socialmente a rischio dal pericolo […]

Leggi

Sono triste quando sono online. Rimango online per non essere più triste

29 Mar 2013

Nel mondo scientifico è ormai confermato che astinenza e tolleranza non sono solo tipiche delle dipendenze da sostanza, ma si presentano anche in quelle comportamentali. I risultati di una recente ricerca inglese vanno in questa direzione e confermano che il fenomeno dell’astinenza nell’abuso da internet segue lo stesso iter di quello delle dipendenze da sostanza […]

Leggi

Nalmefene. Un nuovo farmaco in aiuto ai pazienti alcolisti

04 Mar 2013

La stampa ha da pochissimo diffuso la notizia di un nuovo farmaco per la dipendenza da alcol. In realtà la novità è soprattutto il fatto che la Agenzia Europea del Farmaco ha approvato e dato via libera alla vendita del nalmefene (principio attivo della specialità Selincro) una sostanza che da tempo aveva suscitato l’interesse della […]

Leggi

Gambling (gioco d’azzardo patologico) tra impulsività e ragionevolezza

15 Feb 2010

L’impulsività si pensa strettamente correlata ai comportamenti di dipendenza, come l’uso di droga o il gioco d’azzardo patologico (gambling) e svariati studi sperimentali dimostrano che le persone impulsive preferiscono immediate, piccole ricompense o addirittura negative ricompense a  premi maggiori, ma posticipati. Al fine di rivelare in persone normali gli stimoli che possono portare ad irrazionali […]

Leggi

Gioco d’azzardo patologico trattato con naltrexone

25 Gen 2010

Il gioco d’azzardo patologico (gambling) è un disturbo comune e attualmente sempre più frequente che determina gravi conseguenze ai pazienti e alle loro famiglie. Tale comportamento può essere trattato sia con farmaci (spesso utilizzati anche in altre condizioni di dipendenza) che con terapia cognitivo-comportamentale. Per il caso dei farmaci alcuni ricercatori della American College of […]

Leggi