News

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Un nuovo vaccino contro il fumo

Molte persone che fumano desiderano chiudere con questo “vizio”, ma la voglia, l’urgenza di accendersi una sigaretta è spesso irresistibile. Un vaccino efficace per aiutare le persone a liberarsi da questo vizio una volta per tutte è stato sempre difficile da ottenere; attualmente pare che alcuni scienziati forse possano raggiungere questo obiettivo.
I fumatori che vogliono smettere hanno pochi strumenti a cui rivolgersi. Ci sono modi di rimpiazzare ( ma non escludere) la nicotina con i cerotti, gomme da masticare e le sigarette elettroniche ma non sono sempre efficaci; tra l’altro esiste sempre la possibilità che mantengano il desiderio di ritornare ad assaporare le sigarette ovvero la nicotina verso cui sono stati dipendenti.
I farmaci che agiscono come parziali agonisti dei recettori nicotinici dell’acetilcolina (la vareniclina – CHAMPIX o la citisina; presentano il rischio di spiacevoli effetti collaterali come allucinazioni, depressione e gravi sbalzi di umore.
La citisina è un alcaloide derivato dai semi o anche da altre parti della pianta maggiociondolo; questa sostanza ha la particolarità di legarsi ai recettori nicotinici per un’azione nicotina simile ma non è nicotina.
Da molto tempo utilizzata nei paesi dell’Est, costa meno dei farmaci ordinari. I vaccini il cui bersaglio è la molecola di nicotina rappresentano una strategia alternativa.
Attualmente 2 tipi di vaccini sono stati studiati e provati in studi clinici avanzati (NicVAX (Nabi Pharm.) e NicQI (Cytos Biotech); entrambi se pure non hanno avuto pieno successo, hanno tuttavia dato utili indizi per capire come gli scienziati avrebbero potuto migliorarli.
Ad esempio, gli individui che negli studi hanno prodotto i più alti livelli di anticorpi anti-nicotina avevano una maggiore probabilità di astenersi dal fumo per più di sei mesi.
I ricercatori hanno progettato quindi un nuovo vaccino che potrebbe aumentare il numero di anticorpi contro la nicotina; in sostanza hanno utilizzato un nuovo aptene ( una molecola che se viene legata ad un trasportatore stimola la formazione di anticorpi ) che pare in grado di suscitare una risposta immunologico veramente elevata. Test in topi hanno trovato che il vaccino ritardava gli effetti della nicotina 10 minuti dopo l’iniezione ( ritardare l’effetto di una sostanza d’abuso o addirittura annullarlo – vuol dire semplicemente ridurre la ragione i motivi di farne uso) e che i topi trattati avevano concentrazioni più basse di nicotina nel cervello, luogo dove la nicotina esercita molti dei i suoi principali effetti.
Ovviamente dati questi risultati, i ricercatori dichiarano che si concentreranno sul perfezionamento della formula del vaccino per successive sperimentazioni cliniche.

Journal Reference: Nicholas T. Jacob, Jonathan W. Lockner, Joel E. Schlosburg, Beverly A. Ellis, Lisa M. Eubanks, Kim D. Janda. Investigations of Enantiopure Nicotine Haptens Using an Adjuvanting Carrier in Anti-Nicotine Vaccine Development. Journal of Medicinal Chemistry, 2016; DOI:10.1021/acs.jmedchem.5b01676

Giuseppe Montefrancesco