uep_logo
Strada delle Scotte, 6 53100 Siena
tel 0577 233228
info@insostanza.it

Sei in: InSostanza > > Home is where the hatred is (Ester Phillips – 1972)

Home is where the hatred is (Ester Phillips – 1972)

Testo in inglese Testo in italiano
A junkie walking through the twilight,
I’m on my way home.
I left three days ago
But no one seems to know i’m gone.Home is where the hatred is,
Home is filled with pain,And it might not be such a bad idea if i never,
Never went home again.

Stand as far away from me as you can,
And ask me why.

Hang on to your rosary beads,
Close your eyes
To watch me die.

You keep sayin’,
kick it!
Quit it!
But did you ever try

To turn your sick soul inside out
so that the world
so that the world
can watch you die.
Home is where I live inside
My white power dreams,

Home was once an empty vacuum
That’s filled now With my silent screams.

Home is where the needle marks
Try to hear My broken heart,

And it might not be Such a bad idea
If i never,
Never went home again.

Stand as far away from me as you can,
And ask me why.

Hang on to your rosary beads,
Close your eyes
To watch me die.

You keep sayin’,
kick it!
Quit it!

But did you ever try
To turn your sick soul inside out
so that the world
so that the world
can watch you die.
can watch you die.
watch you die.
watch you die.

You keep sayin’,
kick it!
Quit it!
But did you ever try

Una tossica che cammina attraverso il tramonto,
Ritorno a casa.
Sono uscita tre giorni fa
ma nessuno sembra aver avvertito che fossi via.E’ casa là dove c’è odio,
La casa é riempita di dolore,E non sarebbe una brutta idea se io non fossi tornata,
Non fossi tornata a casa ancora una volta.

Resta il più lontano possibile da me,
e chiedimi perché.

Resta appesa al tuo rosario,
Chiudi gli occhi
per vedermi morire.

continui a dirmi,
prendilo a calci!
Smettila!
Ma hai mai provato …

A rivoltare la tua anima malata dentro e fuori
così che il mondo
così che il mondo
ti possa veder morire.
Casa é dove ho vissuto
i miei sogni di potere bianco,

Casa é stata una volta un vuoto luogo vacuo
pieno oggi delle mie urla silenti.

Casa é dove le unghie graffiano
cerca di sentire il mio cuore spezzato,

E non sarebbe stata una brutta idea
se io mai,
fossi tornata a casa.

Restami lontano più che puoi,
E chiedimi perché.

Attaccati al tuo rosario,
Chiudi gli occhi
e guardami morire.

continui a dirmi,
prendilo a calci!
Smettila!
Ma hai mai provato …

A rivoltare la tua anima malata dentro e fuori
così che il mondo
così che il mondo
ti possa veder morire (x4)

continui a dirmi,
prendilo a calci!
Smettila!
Ma hai mai provato …

 

tags: #ester phillips

I commenti sono chiusi.

 

LE CREAZIONI DI INSOSTANZA