News

Foto dott. Giuseppe Montefrancesco
Responsabile del sito
Dott. Giuseppe Montefrancesco

Cannabinoidi sintetici (Spice) ed emorragie

Negli Stati Uniti, in particolare nell’Illinois, funzionari della Sanità hanno emesso un avvertimento relativo ad un grave effetto osservato in coloro i quali stanno attualmente utilizzando la spice. Spice (o Spice Gold o K2) è il nome con cui i cannabinoidi di sintesi vengono commercializzati.
Si presentano come miscele di erbe alle quali sono appunto aggiunti (spruzzati ) uno o più cannabinoidi sintetici e sono etichettate naturali e legali, legal highs o herbal highs. Queste miscele vengono vendute in bustine di lamina contenenti circa 3 g di materia vegetale secca e di solito sono fumate.
Agiscono come il THC ma sono molto più efficaci. Oltre agli effetti fisici e psichiatrici, si possono osservare notevole alterazione del comportamento e della memoria o disturbi cognitivi; alcuni autori riportano di crisi epilettiche.

A questi effetti, secondo quanto riportato nell’avvertimento, pare sommarsi anche il sanguinamento sia dagli occhi che dalle orecchie.
Quale azione possa precisamente causare tale effetto non è ancora certo, considerato che le contaminazioni in generale sono sempre possibili nella vendita illegale ed inoltre non si conoscono tutti i componenti (tutti i tipi di cannabinoidi sintetici) utilizzati nel prodotto.
Forse, secondo i funzionari, si tratta di un anticoagulante o di un contaminante che ha questo effetto. Nove persone sono risultate positive per un veleno per topi letale chiamato brodifacoum che agisce come un anticoagulante (causando sanguinamento), suggerendo quindi che i farmaci erano stati cuciti con questa sostanza.
Il brodifacoum è un veleno fortemente letale ad attività anticoagulante, appartenente al gruppo delle cumarine, in uso contro i roditori. * In ogni caso, sino a pochi giorni fa, il numero dei pazienti che aveva presentato questo tipo di emorragia era salito a 22.

montefrancesco

-Live Science

-NIDA

– Wikipedia